Studenti italiani bocciati in educazione finanziaria: se ne parla a Genova il prossimo 21 novembre

WhatsApp
Telegram

I dati dell’indagine OCSE PISA che nel 2012 ha coperto quasi 20 paesi e un campione di quasi trentamila quindicenni, dimostrano come l’analfabetismo
finanziario dei nostri ragazzi tocchi livelli preoccupanti, con oltre la metà degli studenti che si attestano su un livello di comprensione dei
meccanismi economici e finanziari ben al di sotto della media dei paesi monitorati.

I dati dell’indagine OCSE PISA che nel 2012 ha coperto quasi 20 paesi e un campione di quasi trentamila quindicenni, dimostrano come l’analfabetismo
finanziario dei nostri ragazzi tocchi livelli preoccupanti, con oltre la metà degli studenti che si attestano su un livello di comprensione dei
meccanismi economici e finanziari ben al di sotto della media dei paesi monitorati.

Il prossimo 21 novembre a Genova presso l’Aula Magna dell’Istituto di Istruzione Superiore Vittorio Emanuele II – Ruffini, saranno presentati i risultati del test PISA OCSE sull’educazione finanziaria con un focus sulle performance degli studenti liguri rispetto alla media italiana, in vista della rilevazione 2015.

In questa occasione i principali enti impegnati nella diffusione dell’educazione finanziaria (Banca d’Italia, Fondazione per l’Educazione Finanziaria e al Risparmio,
Agenzia delle Entrate, Guardia di Finanza), insieme con Sergio Rossetti, Assessore alle Risorse finanziarie e controlli, patrimonio e amministrazione generale, istruzione, formazione, università, formazione ed educazione ambientali, parchi Regione Liguria, Rosaria Pagano, Direttore Generale Ufficio Scolastico Regionale per la Liguria, presentano al corpo docente i propri programmi nell’ambito del workshop “La cittadinanza economica nella cornice della Buona Scuola”.
 
Fondazione per l'Educazione Finanziaria e al Risparmio

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur