Studenti indecisi su cosa fare dopo la Maturità, guida Skuola.net per orientamento

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Al termine degli esami di Maturità i nostri studenti, spesso, non hanno le idee chiare su cosa fare: Proseguire gli studi? Tentare l’ingresso nel Mondo del lavoro? Fare l’uno e l’altro?

Dopo l’esame di Stato del 2018, come riferisce l’Ansa, circa 2 studenti 5 non avevano ancora deciso sul da farsi.

“Dopo la scuola. Come costruire il tuo futuro in sei semplici mosse”

Al fine di guidare e orientare gli studenti nelle scelte da compiere, Skuola.net ha pensato di produrre un apposito testo “Dopo la scuola. Come costruire il tuo futuro in sei semplici mosse”.

Si tratta, scrive l’Ansa, di una sorta navigatore che vuole aiutare i ragazzi e le famiglie ad aggiornare i criteri di scelta sulla base delle evidenze di questa quarta rivoluzione industriale.

Skuola.net si propone di raccogliere i dati sull’orientamento e renderli fruibili ai ragazzi.

Orientamento a scuola

La necessità di produrre il succitato testo nasce dal fatto che l’orientamento nelle nostre scuole è assente o  è poco convincente. A sostegno di tale tesi si riporta l’esempio degli istituti professionali, ove vi si iscrive solo il 14% circa degli studenti sebbene siano scuole che consentono facilmente l’accesso al mondo del lavoro.

Quanto detto sopra vale anche per la scelta della facoltà universitaria da frequentare. Uno studente su tre sceglie percorsi umanistici, al termine dei quali sono altissime le probabilità di restare disoccupati per diverso tempo, diversamente da quanto accade con le facoltà scientifiche.

Competenze oggi necessarie

Considerata l’evoluzione del mondo del lavoro, anche in chiave tecnologica, si dovrebbe puntare a far acquisire competenze quali quelle trasversali, vera chiave di volta per chi vuole trovare (e soprattutto mantenere) i lavori più stimolanti, e ancora flessibilità e adattamento, capacità di operare in team, la voglia di mettersi continuamente in gioco, il problem solving. 

Versione stampabile
Argomenti:
anief banner
soloformazione