Studenti incapaci di esprimere un pensiero strutturato

di
ipsef

red – La denuncia arriva dal Network Athena, un network di docenti universitari sensibili alla comunicazione sociale. Al via una campagna per sensibilizzare genitori, docenti, imprese e Governo.

red – La denuncia arriva dal Network Athena, un network di docenti universitari sensibili alla comunicazione sociale. Al via una campagna per sensibilizzare genitori, docenti, imprese e Governo.

"Un problema – affermano – che sta assumendo proporzioni allarmanti: la crescente difficoltà di molti studenti universitari ad esprimere un pensiero strutturato, a concentrarsi, a scrivere e parlare in un italiano corretto, a sviluppare un proprio senso critico. Una ulteriore riprova di tutto ciò la si riscontra nella preparazione delle tesi, sempre più frutto di un frettoloso ‘copia-incolla’ realizzato tramite i motori di ricerca con assai scarso impiego della mediazione personale".

"E’ ora di sensibilizzare tutta la società su questo tema – ha affermato Alberto Contri, docente di comunicazione sociale alla Iulm di Milano – perchè l’era della costante attenzione parziale in cui stiamo entrando, sta provocando effetti assai preoccupanti, soprattutto sui nativi digitali. Il rischio è che invece di sfruttare al meglio le potenzialità delle innovazioni tecnologiche ne diventino sempre più spesso schiavi." "Stiamo pensando – ha concluso – a una grande campagna non-tradizionale di coinvolgimento di tutti i responsabili di questa situazione: genitori, insegnanti, educatori, imprese, governo e mass media."

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione