Studenti in piazza “educateci ad un modello di sviluppo diverso”

di redazione
ipsef

item-thumbnail
comunicato Rete degli Studenti Medi – Succede in tutta Italia. In oltre 200 città giovani, studenti, cittadine e cittadini hanno riempito le piazze e le strade per manifestare pacificamente contro il cambiamento climatico e richiedendo un impegno serio e concreto da parte della politica per salvare il pianeta.
I giovani che oggi sono in piazza insieme alla Rete degli Studenti Medi e all’Unione degli Universitari in adesione a Fridays For Future per chiedere un futuro e un pianeta sano per viverlo sono centinaia di migliaia, forse un milione in tutta Italia:
“Una mobilitazione del genere lancia un segnale inequivocabile: siamo una generazione che chiede a gran voce di essere educata all’unico cambiamento possibile, un modello di sviluppo diverso” Dichiara Giammarco Manfreda, Coordinatore Nazionale della Rete degli studenti Medi.
“La lotta al cambiamento climatico non è un tema secondario, e oggi gli studenti lo hanno dimostrato. Cosa risponde il Governo? Vogliamo impegni chiari, e li vogliamo subito! ” Dichiara Enrico Gulluni, Coordinatore Nazionale dell’Unione degli Universitari.
“Una segnale forte anche rispetto al Ministro Bussetti, che ieri invitava i ragazzi ad andare a scuola: gli studenti hanno risposto che non esiste un pianeta B!” concludono Gulluni e Manfreda.
Versione stampabile
Argomenti:
anief banner
soloformazione