Studenti con disabilità, Battistoni: con Benessere Italia creiamo collegamento tra scuola e lavoro

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Creare un ponte tra il mondo della scuola e quello delle aziende per favorire l’inserimento lavorativo delle persone con disabilità: è questo uno degli obiettivi a cui sta lavorando la cabina di regia ‘Benessere Italia’ della Presidenza del Consiglio dei Ministri.

A spiegarlo è Andrea Battistoni, consulente della cabina di regia, tra gli ospiti di Microsoft per il lancio dell’iniziativa ‘Ambizione Italia per l’Inclusione e l’Accessibilità’.

“Quando il disabile finisce la scuola, esce dal radar della pubblica amministrazione e non ricompare se non in caso di malattia o di pensione: in pratica perdiamo almeno 20-25 anni di vita in cui la persona disabile riesce a realizzarsi solo se si trova a vivere in un particolare contesto familiare, economico e culturale”, afferma Battistoni.

Per colmare questo vuoto, “stiamo lavorando per creare un anello di congiunzione tra scuola e mondo del lavoro che faciliti l’incontro tra le abilità delle persone e le competenze richieste dalle aziende”.

Questo significa “formare i docenti di sostegno perché riescano a individuare e valorizzare le abilità residue dei bambini con disabilità, orientandoli meglio nella scelta del loro percorso. Allo stesso modo – prosegue – punteremo anche alla formazione delle aziende, perché possano valutare meglio queste abilità”. Nella stessa ottica, conclude Battistoni, “anche la legge 68/99 sul collocamento mirato dovrà essere ammodernata e dotata di strumenti più flessibili”

Versione stampabile
Argomenti:
soloformazione