Studenti con disabilità: “A Giorgia Meloni chiediamo piena inclusione e valorizzazione della persona”. L’appello di Articolo 26

WhatsApp
Telegram

L’appello di Articolo 26 a Giorgia Meloni in occasione della prima edizione di “Io, Persona al centro”, un evento nazionale dedicato al mondo del Terzo Settore e dell’associazionismo italiano, ha chiesto con forza al Presidente di procedere con determinazione verso una piena inclusione e valorizzazione della persona. L’appello ha sottolineato la necessità di un cambio di rotta rispetto alle precedenti compagini governative, citando come esempio la riduzione di 5.000 posti di sostegno all’anno come obiettivo di “risparmio” nel Bilancio di previsione dello Stato per il 2021 e il triennio 2021-2023, insieme alle criticità presenti nel nuovo modello di Piano Educativo Individualizzato (PEI).

I genitori, rappresentati dall’associazione, hanno dichiarato di voler offrire il loro contributo sull’inclusione scolastica. Hanno evidenziato che tra le famiglie da loro rappresentate ci sono esperienze con figli con disabilità, e che cercano di fornire supporto e consulenza a queste famiglie. Ritengono che solo attraverso un’effettiva alleanza tra le famiglie e tra le famiglie e la scuola si possano abbattere le barriere culturali che spesso lesano la dignità delle persone con disabilità, riconosciuta e tutelata dai principi fondamentali della Costituzione.

Inoltre, hanno sottolineato che gli alunni con disabilità sono parte integrante della classe e della comunità più ampia, composta dalle famiglie degli alunni e dalla scuola stessa. Hanno evidenziato che non esistono famiglie di alunni con disabilità e famiglie con alunni “non con disabilità”, ma solo famiglie che si occupano quotidianamente dell’educazione dei loro figli e cercano di valorizzarne i talenti. L’appello ha concluso auspicando un cambio di passo deciso a partire dalla scuola, affinché si possa promuovere la socialità, la solidarietà e la convivenza civile, contribuendo a un futuro in cui la giusta direzione sia chiaramente perseguita.

WhatsApp
Telegram

Abilitazione all’insegnamento 30 CFU. Corsi Abilitanti online attivi! Università Dante Alighieri