Studenti che valutano i docenti “dateci potere”. GdF “demagogia, studenti privi di preparazione”

Stampa

Gli studenti valuteranno i docenti, questa la novità anticipata dal Sottosegretario Davide Faraone qualche giorno fa. Non tutti sono d'accordo, ma è un principio che piace.

Gli studenti valuteranno i docenti, questa la novità anticipata dal Sottosegretario Davide Faraone qualche giorno fa. Non tutti sono d'accordo, ma è un principio che piace.

Ieri l'Unione degli studenti ha inviato un comunicato in redazione sostenendo che l'iniziativa del Governo non risponde alle loro richieste e che le anticipazioni del Sottosegretario Faraone hanno il sapore della strumentalizzazione.

Differente la posizione degli studenti medi, che per voce ddi Alberto Irone ha dichiarato: "Le dichiarazioni del sottosegretario Faraone recepiscono alcune importanti richieste e proposte che da anni portiamo e che abbiamo avanzato con forza nelle mobilitazioni d''autunno e nella consultazione del governo sulla "Buona scuola". L''idea espressa, che gli studenti debbano essere attivi protagonisti della scuola anche nei processi valutativi e decisionali, la rivendichiamo da anni."

La proposta di Faraone va oltre e riguarda anche l'inserimento di uno studente nel nucleo di valutazione delle scuole superiori e dei genitori per medie e infanzia.

Sulla faccenda è intervenuto il Gruppo di Firenze, un'associazione di Dirigenti scolastici fiorentini. "Il sottosegretario Faraone – scrivono – si muove da tempo come ministro de facto, e purtroppo lo fa doppiando in demagogia  i predecessori, che pure si erano distinti per ricerca della popolarità a buon mercato."

Secondo l'associazione, si tratta di "un’operazione inquinata dalla demagogia sia nei contenuti, sia nei modi con cui è presentata. Una cosa infatti è ascoltare anche gli studenti, altro è chiamarli a far parte di un organismo tecnico-professionale quale il nucleo di valutazione, in quanto ovviamente privi della necessaria preparazione per assolvere un compito tanto delicato".

Seguici su FaceBook per le anticipazioni sulla riforma

Inoltre, la proposta di Faraone prevede che vengano giudicati la puntualità, la didattica e capacità espositiva. Vada, scrive il GdF, per la puntualità, ma l’efficacia didattica, che è argomento complesso, non è certo tema da porre a uno studente, potenzialmente interessato a scaricare sui docenti i suoi ritardi nell’apprendimento. Sui possibili "suggerimenti" ai propri insegnanti meglio sorvolare…"

Valutazione docenti: gli studenti compileranno un questionario sui prof. A giudizio capacità espositiva, puntualità e didattica

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur