Studenti bocciati, Atzeni (Tar Toscana): Valutare bene se fare ricorso

di redazione
ipsef

item-thumbnail

I genitori insoddisfatti della bocciatura dei loro figli a scuola faranno bene a valutare attentamente se fare ricorso al Tar.

Non sempre la ripetizione dell’anno è colpa di una offerta formativa insufficiente della scuola o di un pregiudizio da parte dei docenti.

A lanciare il monito è il presidente del Tribunale Amministrativo della Toscana, Manfredi Atzeni. Nella cerimonia dell’anno giudiziario, il Giudice ha ricordato quanto sia difficile valutare un intero anno di percorso didattico e ha ricordato che le sentenze del Tar sono appellabili al Consiglio di Stato. In buona sostanza, Atzeni ha invitato a considerare bene il ricorso al servizio di Giustizia che il presidente del Consiglio di Stato, Alessandro Pajano, aveva già definito irragionevole in considerazione dell’alto numero dei casi affrontati.

Fra le sentenze citate anche dal quotidiano La Nazione c’è anche quella del numero massimo di alunni per classi, soprattutto in presenza di un disabile che non deve essere considerato un parametro inderogabile, ma una linea guida che spinga le istituzioni scolastiche alla formazione di un’aula più omogenea possibile, nella piena garanzia del diritto allo studio.

Versione stampabile
Argomenti:
anief banner
soloformazione