Studenti attenti agli errori grammaticali nei post e nelle chat, hanno paura del giudizio del WEB

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Scrivere sui social rende i ragazzi più attenti alla grammatica, come ha rivelato un’indagine svolta da Skuola.net su un campione di  4500 studenti. 

La ricerca, come riferisce l’Ansa, si colloca nell’ambito della “Giornata ProGrammatica” 2018,  dedicata alla promozione della nostra lingua e organizzata da “Radio3 – La Lingua Batte” insieme al Miur e in collaborazione con il Ministero degli Esteri (MAECI), l’Accademia della Crusca, l’Associazione per la Storia della Lingua Italiana (ASLI) e la Comunità Radiotelevisiva Italofona (CRI), di cui Skuola.net è partner.

Verifica errori

Post sui social

L’indagine ha mostrato che, quando scrivono sui social, i ragazzi stanno attenti alla forma:

  • il 69%  controlla sempre eventuali errori di grammatica e ortografia prima di pubblicare;
  • il 13% che lo fa ogni tanto;
  • il 18% non controlla.

Chat

I ragazzi mostrano la stessa attenzione anche quando scrivono in chat, dove i messaggi vengono letti da un numero più ristretto di persone. In tal caso:

  • il 71% controlla eventuali errori;
  • il 29% scrive senza preoccuparsi della forma.

Perché tanta attenzione?

Il motivo risiederebbe nella paura di essere giudicati da una platea di persone molto ampia, qual è quella del Web.

Un ragazzo su quattro, infatti, ha ricevuto commenti negativi per aver commesso errori nello scritto pubblicato. A tale motivo, si aggiunge quello secondo cui scrivere bene sui social e nelle chat aiuta a migliorare l’italiano da usare a scuola.

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione