Studenti anticipatari alla primaria, hanno o no maggiori difficoltà nell’apprendimento scolastico? Cosa dice l’Invalsi

di Laura Biarella

item-thumbnail

Si tratta di un fenomeno che riguarda i bambini che compiono i 6 anni di età tra il 1 gennaio e il 30 aprile e distribuito in modo non uniforme sul territorio nazionale

Il fenomeno dell’anticipo dei bambini dell’ingresso alla primaria riguarda più le regioni del Sud e delle Isole. A Nord e al Centro la percentuale è dell’1%, mentre a Sud e Isole arriva fino al 4%.

Molte sono le teorie sull’opportunità o meno dell’anticipo dei bambini alla primaria, nel rapporto Invalsi 2017 troviamo un capitolo di analisi specifico che affronta le tematiche dei punteggi raggiunti da tali studenti nelle prove, così come a termine della V primaria.

Molto è demandato alle condizioni economico-culturali delle famiglie che hanno una profonda incidenza sull’andamento scolastico degli anticipatari, come dei bambini che hanno effettuato l’ingresso regolarmente.

Esiste, quindi, una regola sull’anticipazione?

Nel video si analizzano i risultati raggiunti dallo studio Invalsi.

 

Invia la tua risorsa o un tuo intervento su argomento didattica a: [email protected]
Versione stampabile