Studentessa lanciatasi da tetto della scuola, Presidente Corte di Assise: “Da voi insegnanti ci si aspetta di più”

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Alcuni docenti del liceo classico, frequentato da Rosita Raffoni, studentessa 16enne che nel 2014 si gettò dal tetto della scuola, ha sottoscritto una lettera per rispondere alle accuse del presidente della Corte di Assise nell’ambito del processo ai genitori della ragazza. 

Il Presidente, come riferisce l’Ansa, aveva affermato che dai docenti ci si aspetta di più, in quanto non si erano resi conto del disagio dell’alunna.

Queste le sue parole: “Da voi insegnanti ci si aspetta di più. E’ emerso il disagio di Rosita e dite che non vi siete accorti di niente. Se aspettate segni chiari e palesi, allora queste cose continueranno“.

I docenti, da parte loro, affermano di sentirsi  isolati di fronte a qualsiasi cosa la società non riesca a gestire: “Sembra che a volte si pretenda che possediamo i ‘superpoteri’ per capire oltre la realtà umanamente percettibile”.

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
voglioinsegnare