Studentessa in ospedale dopo malore, cade da barella e si fa male. Docente è responsabile? Sentenza

Stampa

Durante un viaggio d’istruzione una studentessa rimane vittima di un incidente. Quali obblighi da parte del docente?

I fatti

La studentessa dopo un malore viene accompagnata in ospedale dal docente mediante l’aiuto del “118”. In ospedale viene adagiata sulla barella in attesa di visita.

Mentre si trovava distesa sulla barella, la studentessa, a seguito di un ulteriore malore, cade rovinosamente per terra riportando un trauma facciale.

A seguito di accertamenti clinici era stata dimessa con la diagnosi di “crisi epilettica .. trauma cranico“.

Le accuse

La famiglia denuncia il docente per responsabilità a seguito di omessa vigilanza e adozione delle soluzioni idonee ad evitare il danno.

Secondo la famiglia, il docente si sarebbe dovuto accertare “che i sanitari adottassero ogni più opportuna cautela per evitare la caduta

Docente assolto

L’assoluzione definitiva è avvenuta in Cassazione. I giudici non hanno accolto la tesi della studentessa secondo la quale il docente avrebbe “dovuto coordinare e controllare il personale sanitario all’interno dell’ospedale, per verificare l’adozione di mezzi di contenzione idonei ad evitare una seconda crisi epilettica“.

Secondo i giudici, un insegnante che accompagna in un ospedale uno studente per motivi di salute  non ha l’obbligo “di vigilanza o supervisione in assenza, peraltro, di cognizioni mediche e infermieristiche … non ha la competenza per segnalare ai sanitari cautele diverse e ulteriori rispetto a quelle del protocollo“.

Scarica sentenza

Stampa

Concorso STEM. Minicorso di inglese e informatica, simulatori disciplinari consulenze Skype. Nuovi percorsi rapidi, mirati e intensivi