Studentessa bocciata dopo ricorso al Tar, gli insegnanti scrivono a Valditara: “Siamo stati umiliati, non bisogna dare ai giovani strade facili”

WhatsApp
Telegram

All’esame di maturità è arrivata grazie a una sentenza del TAR, malgrado le cinque insufficienze in pagella. La commissione, però, ha confermato il giudizio dei suoi insegnanti: la studentessa è stata bocciata.

Questo caso, verificatosi presso il liceo Da Vinci di Trento, ha scatenato la reazione di Alessio Marinelli, docente di Matematica e Fisica, che ha deciso di scrivere una lettera di protesta al ministro dell’Istruzione e del Merito, Giuseppe Valditara.

La lettera, firmata anche da altri 110 insegnanti, sottolinea come questo episodio rappresenti un’umiliazione per la categoria docente e critica una società che spinge gli studenti a cercare scorciatoie piuttosto che a misurare il proprio valore. La sospensiva del TAR viene definita come uno schiaffo alla credibilità degli insegnanti, minando la serenità del loro giudizio.

Inoltre, Marinelli e i suoi colleghi evidenziano come questo episodio metta a rischio la tenacia degli insegnanti nell’affrontare scelte dolorose ma necessarie, come la bocciatura di un allievo. Denunciano la pratica di ricorrere a legali per aggirare il sistema educativo, in contrasto con l’obiettivo di educare i giovani al senso di responsabilità e all’impegno.

Infine, la lettera chiede al ministro di “riportare la figura dell’insegnante al centro della scuola” e di rivedere i test d’ingresso universitari, descritti come uno schiaffo alla dignità del sistema scolastico secondario.

Leggi anche

Studentessa ammessa alla maturità dal TAR con 5 insufficienze: adesso viene bocciata all’orale

WhatsApp
Telegram

“Percorsi abilitanti 30 CFU ai sensi dell’art. 13 del DPCM 04/08/2023”.  Hai tempo solo fino al 27 giugno 2024. Contatta Eurosofia