Studente non ammissibile agli scrutini per troppe assenze. La madre aggredisce collaboratore e preside

di redazione
ipsef

item-thumbnail

La madre di uno studente di quinta di un istituto in provincia di Monza ha aggredito, per lo meno verbalmente, un professore e il preside, perché il figlio non può essere scrutinato per le troppe assenze, e di conseguenza non può essere ammesso agli esami.

La donna si sarebbe invece convinta che il motivo è un’antipatia provata dal docente nei suoi confronti: si sarebbe presentata in istituto due giorni fa, aggredendo un collaboratore, il quale avrebbe cercato di calmarla spiegandole che la mancata ammissione agli scrutini è causata dalle diverse assenze dello studente, tutte annotate sul registro elettronico d’istituto.

Sarebbe poi tornata insieme alla sorella il giorno dopo in istituto, per parlare nuovamente con professore e preside. I toni però sono stati così accesi che docente e dirigente scolastico hanno poi deciso di segnalare l’accaduto ai carabinieri.

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
soloformazione