Studente di 14 anni ammonito dal giudice per bullismo e genitori condannati a pagare una multa. Uno dei primi casi in Italia

WhatsApp
Telegram

Uno dei primi interventi a livello nazionale riguardante un ragazzo sotto i 14 anni è stato adottato dal questore di Forlì-Cesena. Si tratta del primo ammonimento per atti persecutori associati a comportamenti di bullismo, compiuti da un giovane frequentante una scuola secondaria di primo grado, ai danni di un suo coetaneo.

Segnalazione ai Carabinieri
I genitori della vittima si sono rivolti ai carabinieri dopo aver scoperto le continue vessazioni subite quotidianamente dal figlio. Queste vessazioni includevano insulti, derisioni, percosse e il danneggiamento di oggetti personali. La situazione ha suscitato preoccupazione, portandoli a chiedere l’intervento delle autorità.

Esiti delle indagini
Le indagini condotte dalle forze dell’ordine hanno confermato le segnalazioni, rivelando che il giovane autore degli atti di bullismo aveva mostrato comportamenti inadeguati e irrispettosi non solo verso il compagno, ma anche verso altri studenti e insegnanti. Questi comportamenti hanno evidenziato una necessità di intervento da parte delle autorità.

Notifica del provvedimento
Il provvedimento di ammonimento è stato notificato al ragazzo alla presenza dei genitori. Durante la notifica, è stata anche comunicata una sanzione amministrativa pecuniaria ai genitori, ritenuti responsabili di non aver vigilato adeguatamente sul comportamento del figlio.

WhatsApp
Telegram

“Percorsi abilitanti 30 CFU ai sensi dell’art. 13 del DPCM 04/08/2023”.  Hai tempo solo fino al 27 giugno 2024. Contatta Eurosofia