Studente bocciato risarcito con 5000 euro

di redazione
ipsef

red – È il caso di uno studente del "Leon Battista Alberti" di Firenze bocciato nel 2004 all’esame di maturità. Già nel 2006 il Tar aveva annullato la bocciatura, adesso viene risarcito con 5000 euro.

red – È il caso di uno studente del "Leon Battista Alberti" di Firenze bocciato nel 2004 all’esame di maturità. Già nel 2006 il Tar aveva annullato la bocciatura, adesso viene risarcito con 5000 euro.

Il Tar gli ha dato ragione perché lo studente è stato interrogato soltanto in italiano, anatomia artistica e storia, e non in tutte le materie come previsto dalla normativa. Inoltre, a seguito della bocciatura, lo studente si era visto costretto a ricorrere ad un istituto privato per conseguire il diploma l’anno seguente. Il Tar ha ritenuto che il giovane avesse subito un danno economico è ha condannato il ministero a risarcire i soldi spesi per l’iscrizione alla scuola non statale.

Secondo gli avvocati che hanno seguito il caso ritratta di una sentenza senza precedenti per una bocciatura a scuola.

Versione stampabile
anief
soloformazione