Strategie educative e ambientali per alunni con disabilità uditiva con un elenco di strategie per operare

WhatsApp
Telegram

Il 3 marzo si tiene ogni anno la “Giornata mondiale dell’udito” per accrescere la consapevolezza su come prevenire la perdita dell’udito e promuovere la cura dell’udito. L’Organizzazione mondiale per la Sanità e il CGHH promuovono un tema specifico ogni anno. Il tema della Giornata mondiale dell’udito 2022 è “Ascoltare per tutta la vita, ascoltare con attenzione!” con particolare riguardo all’importanza di un ascolto sicuro, mezzo indispensabile per mantenere un buon udito per tutta la durata della vita.

Come nasce la “Giornata internazionale per la cura dell’orecchio”

Nessuno, per la verità, avrebbe mai potuto immaginare il grande impatto che avrebbe avuto la dichiarazione del 2007, relativa alla “Giornata internazionale per la cura dell’orecchio”, sull’assistenza sanitaria globale dell’udito. Questa giornata di sensibilizzazione sulla salute è stata introdotta in occasione della prima conferenza internazionale sulla prevenzione e la riabilitazione dell’ipoacusia tenutasi a Pechino, in Cina, alla quale hanno partecipato audiologi, otorinolaringoiatri, educatori sordi e assistenti sociali. È stata proposta come una giornata di sensibilizzazione e promozione della cura dell’udito, ed è stata accolta come una “bella” risoluzione e dimostrazione di solidarietà tra i sostenitori dell’assistenza sanitaria dell’udito. E con l’intenzione di offrire un memorabile dispositivo mnemonico, gli organizzatori della conferenza hanno scelto abilmente il 3 marzo (cioè 3-3) come data annuale per la somiglianza dei numeri “3-3” con un paio di orecchie!

Fornire un messaggio internazionale coerente sulla salute dell’udito

Quattro anni dopo, il neo-direttore tecnico del programma di prevenzione della sordità e della cecità dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS), Shelly Chadha, PhD, ha visto un’immensa mancanza di consapevolezza dell’assistenza sanitaria tra i responsabili politici a livello globale e ha cercato i modi per affinché l’OMS raccolga dati e promuova un messaggio su larga scala. Ciò, con l’obiettivo di fornire un messaggio internazionale coerente sulla salute dell’udito, l’OMS ha lanciato la “Giornata internazionale della cura dell’orecchio” nel 2014, che alla fine è diventata la “Giornata mondiale dell’udito” nel 2016, che si celebra ancora il 3 marzo. Certamente, alcuni Paesi nel mondo potrebbero già avere un tempo del loro calendario annuale designato per promuovere e sostenere l’audiologia e/o la cura dell’udito ma c’è quell’impatto straordinario quando un messaggio risuona oltre i confini geografici e quando il mondo intero si unisce per un giorno o un’intera settimana per promuovere l’importanza dell’udito.

La piattaforma dell’OMS dedicato alla giornata

L’OMS ha preparato la piattaforma multimediale http://bit.ly/2k4BcoQ per la Giornata mondiale dell’udito e pubblicato materiali accattivanti che possono essere condivisi per promuovere la salute dell’udito.

L’ipoacusia in Italia

In Italia sono sette milioni le persone con gravi o medio-gravi problemi di udito, corrispondenti all’12,2% della popolazione nazionale. Nel nostro Paese l’ipoacusia interessa una persona su tre (tra gli over 65). Solo il 11% della popolazione italiana ha effettuato nel corso della sua vita un controllo adeguato dell’udito, e solo il 32% negli ultimi 5 anni, mentre il 54% non ha pensato d’avere problemi. Solo il 25% di coloro che potrebbero averne beneficio usa l’apparecchio acustico, nonostante l’87% di chi ne fa uso dichiari migliorata la propria qualità di vita.

Strategie didattiche per studenti non udenti e con problemi di udito

I membri del team insegnanti che lavorano con studenti non udenti e con problemi di udito devono considerare attentamente le esigenze e lo stile di apprendimento unici di ciascuno studente, nonché le esigenze del compito. Le seguenti strategie sono offerte per fornire un punto di partenza per pensare a possibili adattamenti. È importante ricordare che tutti i membri del team docenti o del consiglio di classe dovrebbero avere un contributo nelle decisioni riguardanti le strategie didattiche per uno studente sordo o con problemi di udito.

Possibili effetti della perdita dell’udito sullo sviluppo delle abilità in italiano

Il compito di imparare a leggere è più difficile per i bambini che non riescono a sentire. Secondo la ricerca di Traxler nel 2000, meno della metà degli studenti di 18 anni, che sono sordi, che hanno lasciato la scuola superiore avevano raggiunto un livello di quinta Primaria in capacità di lettura e scrittura (Traxler, 2000). La lettura e la scrittura possono essere considerate più critiche per le persone sorde che per le persone udenti, poiché spesso si affidano a mezzi scritti per comunicare (ad es. e-mail, testi, sottotitoli). È stato ipotizzato che le scarse capacità di lettura dei soggetti sordi derivino da problemi di elaborazione fonologica. La maggior parte dei lettori udenti codifica la stampa suonando le parole foneticamente. Molti bambini sordi e con problemi di udito, anche con l’amplificazione, non sono in grado di sentire molti dei suoni del parlato. Questa codifica è importante nella lettura, perché consente a una persona di conservare blocchi di testo nella memoria a breve termine abbastanza a lungo da consentire ai processori di livello superiore di assegnargli un significato per la comprensione generale.

L’aiuto dei genitori e le problematiche da risolvere

Il 90 – 95% dei bambini sordi e con problemi di udito ha genitori che sentono e, molto spesso, non parlano correntemente i segni. Per i bambini che dipendono dalla comunicazione visiva, potrebbe essere più difficile per loro acquisire il linguaggio dal loro ambiente in modo accidentale (percependo/guardando conversazioni di altri nel loro ambiente, dalla TV o da altri dispositivi). Senza questo apprendimento accidentale, un bambino sordo o con problemi di udito potrebbe avere una conoscenza limitata del vocabolario e della grammatica che la stampa rappresenta, e persino una conoscenza generale limitata del suo mondo. Pertanto, è spesso più difficile per loro prevedere o dedurre il significato. Parole e modi di dire con più significati possono presentare sfide particolari.

La “Lingua dei segni Italiana”, in acronimo LIS

La “Lingua dei segni italiana”, in acronimo LIS, è una lingua naturale veicolata attraverso il canale visivo-gestuale e utilizzata nel territorio italiano; ha le sue regole grammaticali e non segue la sintassi o l’ordine delle parole dell’italiano. I bambini sordi e che non sentono l’italiano parlato più e più volte durante le loro routine quotidiane potrebbero non acquisire l’uso della grammatica e della sintassi italiana in modo naturale come fanno i bambini udenti. Potrebbero aver bisogno di imparare la grammatica italiana memorizzando le regole, un compito arduo. Alcune persone potrebbero pensare che se una persona sorda potesse leggere molto, assimilerebbe la sintassi italiana attraverso l’esposizione ripetuta. Il problema è che se un bambino non sente l’italiano e non può assimilare le regole della lingua in modo naturale, leggere le frasi in italiano è molto difficile. Se non si è in grado di sondare il vocabolario foneticamente e se la struttura della frase è confusa, la lettura diventa un lavoro ingrato.

La LIS non è una forma abbreviata di italiano, una mimica, un qualche codice morse o braille

Scrive l’Ente Nazionale Sordi Onlus: “La LIS non è una forma abbreviata di italiano, una mimica, un qualche codice morse o braille, un semplice alfabeto manuale o un supporto all’espressione della lingua parlata, ma una lingua con proprie regole grammaticali, sintattiche, morfologiche e lessicali. Si è evoluta naturalmente, come tutte le lingue, ma con una struttura molto diversa, che utilizza sia componenti manuali (es. la configurazione, la posizione, il movimento delle mani) che non-manuali, quali l’espressione facciale, la postura, ecc. Ha meccanismi di dinamica evolutiva e di variazione nello spazio (i “dialetti”), e rappresenta un importante strumento di trasmissione culturale. È una lingua che viaggia sul canale visivo-gestuale, integro nelle persone sorde, e ciò consente loro pari opportunità di accesso alla comunicazione”.

Modi per aiutare gli studenti non udenti e con problemi di udito ad avere successo in italiano

Le allegate strategie sono progettate per promuovere l’accesso ai contenuti in italiano per gli studenti non udenti e con problemi di udito. È importante ricordare che ogni bambino ha bisogni unici e che le decisioni riguardanti le strategie educative dovrebbero essere basate su informazioni attuali e accurate sul funzionamento sensoriale del bambino e sul contributo del team docente o scolastico (O Consiglio di Interclasse, di Classe o Intersezione) dello studente.

Le strategie di insegnamento

Per quei bambini sordi e con problemi di udito e i cui dispositivi sensoriali consentono loro di accedere ed elaborare il parlato come fanno i bambini udenti, è probabile che le strategie di insegnamento seguano le migliori pratiche utilizzate con i bambini udenti. Dispositivi sensoriali (apparecchi acustici, impianti cocleari) e dispositivi di ascolto assistito (sistemi FM, sistemi di campo sonoro) dovrebbero essere utilizzati secondo le raccomandazioni dell’audiologo per ottimizzare la ricezione uditiva dei suoni del parlato. Quei bambini che non ricevono i suoni del parlato in modo adeguato attraverso l’audizione potrebbero aver bisogno di imparare a leggere usando altre strategie.

I programmi educativi che hanno un approccio bilingue-biculturale

I programmi educativi che hanno un approccio bilingue-biculturale (bi-bi) utilizzano la lingua italiana dei segni (LIS) per insegnare e introdurre l’italiano come seconda lingua attraverso la stampa. I fautori dell’approccio bi-bi riconoscono l’importanza della conoscenza generale del mondo nello sviluppo della lettura e della scrittura. Considerano la LIS come il linguaggio naturale per i bambini sordi e come uno strumento fondamentale che consente ai bambini di costruire ed elaborare la conoscenza del mondo che li circonda.

La consapevolezza metalinguistica

Quanto detto promuove una consapevolezza metalinguistica nei bambini delle differenze tra LIS e italiano stampato. Come con la maggior parte delle teorie dell’alfabetizzazione, il coinvolgimento dei genitori è un aspetto essenziale per l’educazione bilingue. Se i genitori non sono in grado di comunicare fluentemente in LIS con i propri figli, per leggere storie, ad esempio, possono essere coinvolti dei mentori sordi come modelli. È molto importante ricordare che la lingua precede l’alfabetizzazione. Non è razionale aspettarsi che una persona legga o scriva parole o concetti di cui non ha conoscenza o non può comprendere o esprimere oralmente o attraverso il linguaggio dei segni.

Strategie educative e ambientali per alunni con disabilità uditiva

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur