Straordinario, scuola & covid. Lettera

Stampa

Inviato da Federica Rizza – Sono un’insegnante precaria di scuola secondaria di II grado…chi mi conosce sa quanto io tenga alla scuola, quella “vera” fatta di contatti, relazioni e di presenza ma sa anche che, da quando ho iniziato quest’anno scolastico, non ho mai fatto mistero delle mie ENORMI PREOCCUPAZIONI:

i casi “positivi” erano all’ordine del giorno ma non c’erano mai le condizioni “legali” per proporre la didattica a distanza ad alcune classi particolarmente a rischio (superamento delle 72h dall’ultimo contatto, risultati di tamponi arrivati a distanza di 15/20 giorni ecc…) e, aggiungerei, che neanche il buon senso, in molte occasioni, ci ha salvati!
Da lunedì 26 ottobre, avendo già durante il weekend un fortissimo raffreddore, ho chiamato il medico (con l’intento di fermarmi 1 o 2 giorni), il quale, ha attivato la procedura per la quarantena preventiva!
Da lì è partito il mio incubo… Da settimane mi cautelo riducendo al minimo le uscite personali, salvo per andare a scuola (un concentrato di casi positivi), ho sempre utilizzato tutti i dispositivi necessari (mascherina ffp2, chirurgica e visiera protettiva) e ho rischiato di non poter svolgere la prova perché fare un tampone é stato praticamente impossibile (anche privatamente)?!
Dopo varie peripezie, sono riuscita, finalmente, a fare un tampone drive through ma…sono risultata POSITIVA!
Questo risultato, compromette (quasi) definitivamente la possibilità di partecipare alla prova.
Sono profondamente amareggiata perché vuol dire aver perso un’occasione unica ma era prevedibile che il virus non facesse sconti a nessuno, né tantomeno facesse distinzioni (secondo quale principio avrebbe dovuto evitare gli insegnanti, soltanto perché concorrenti alle prove?!).

Mi chiedo come sia possibile, in un periodo così paradossale per tutti, non prevedere le prove suppletive, almeno per quegli insegnanti che si sono ammalati a lavoro o per raggiungere il posto di lavoro.
Davvero non è possibile ANNULLARE QUESTO CONCORSO?!

Stampa

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia