Strage di bimbi di una scuola elementare nel Connecticut: il sito del MIUR listato a lutto

di Giulia Boffa
ipsef

Giulia Boffa – Uccisi 18 bambini in un raid avvenuto intorno alle 15,30 ora italiana in una scuola elementare, la Sandy Hook Elementary School di Newtown, nel Connecticut, una cittadina di poco meno di 30.000 abitanti, con uno dei redditi pro capite più alti negli USA.

Giulia Boffa – Uccisi 18 bambini in un raid avvenuto intorno alle 15,30 ora italiana in una scuola elementare, la Sandy Hook Elementary School di Newtown, nel Connecticut, una cittadina di poco meno di 30.000 abitanti, con uno dei redditi pro capite più alti negli USA.

Il killer, che è rimasto ucciso forse dalla polizia o forse si è sparato, potrebbe essere secondo la CBS il padre di uno dei bambini: si tratterebbe  di  un ragazzo di circa 20 anni, come affermano alcuni testimoni, con giubbotto antiproiettile e 4 armi di assalto, con cui ha sparato almeno 100 colpi all’impazzata tra i banchi, uccidendo anche il preside e lo psicologo della scuola; ferito il vicepreside. Il bilancio delle vittime sarebbe di 27 morti, fra cui 18 bambini, ma è ancora provvisorio, tre i feriti in maniera gravissima, una classe intera mancherebbe ancora all’appello. 

I 600 bambini della scuola sono stati evacuati e affidati ai genitori, mentre i piccoli coinvolti si trovavano in una classe della materna. La zona circostante è stata isolata dalla polizia subito accorsa, che sta cercando un possibile complice, che è riuscito a fuggire dopo aver sparato alcuni colpi.

Il Ministro Profumo ha rilasciato la seguente dichiarazione alla notizia della strage dei 18 piccoli alunni:  "Seguo con grande costernazione e dolore le terribili notizie che arrivano dalla scuola di Newtown. Una vicenda drammatica che colpisce la sensibilità di ognuno di noi. Ci stringiamo anzitutto attorno ai bambini, testimoni di questa incredibile violenza, ai genitori e agli insegnanti. Siamo certi che il popolo americano avrà le risorse, morali e spirituali, per superare questo momento ed evitare che tragedie simili possano ripetersi nel futuro. Invito tutta la comunità della scuola italiana a rivolgere un pensiero e far sentire il proprio affetto nei confronti di chi in questo momento sta soffrendo le conseguenze di un atto disumano. Il sito del Miur sarà per questo motivo listato a lutto". 

Versione stampabile
anief
soloformazione