Storia della musica in tutte le scuole superiori, la proposta del M5S

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Storia della Musica potrebbe diventare per legge materia curriculare nei licei artistici, nel secondo biennio e nel quinto anno dei licei classici, dei licei scientifici, dei licei linguistici e dei licei delle scienze umane, ma anche nel secondo biennio e nel quinto anno degli istituti tecnici a indirizzo turistico e degli istituti professionali a indirizzo grafico multimediale.

Dopo 55 anni dal primo appello sulla Storia della musica alle superiori, qualcosa si muove. Alcuni politici hanno dato ascolto alla richiesta di Fabrizio Basciano, musicologo, musicista e docente.

E’ lui stesso ad affermarlo dalle pagine del FattoQuotidiano.it, dove ripercorre le tappe più significative di un periodo lungo decenni. A dare il la a questa partita è stato Alberto Mantelli che nel lontano 1964 aveva posto l’accento sull’importanza di inserire la Storia della musica nei licei, rilevando come questa disciplina caratterizzasse il patrimonio culturale e identitario italiano, esattamente come la Storia dell’arte.

Basciano ha raccolto e rilanciato l’iniziativa, scrivendo – inascoltato – direttamente anche ai ministri e ai politici, fino a quando, nell’ottobre scorso è stato contattato da Michele Nitti, deputato pentastellato.

E’ partito così un confronto che ha portato – come Basciano racconta – a una vera e propria proposta di legge che è già stata depositata presso la Camera dei deputati e che è  in attesa del visto degli uffici competenti.

Versione stampabile
Argomenti:
soloformazione