Stop all’obbligo vaccinale per il personale sanitario inglese, Anief: perché in Italia si va in direzione opposta?

WhatsApp
Telegram

Anief – In Inghilterra cambio di rotta del Governo a pochi giorni dall’entrata in vigore dell’obbligo vaccinale per il personale sanitario: alla luce di come sta evolvendo la variante Omicron, pur ritenendo uno strumento importante la vaccinazione, il governo britannico non ritiene più proporzionale la misura. Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief, chiede: “Quando deciderà la stessa cosa il Governo italiano, ritirando un obbligo che da oggi è imposto agli over 50 e da metà febbraio a tutti i lavoratori dopo quelli di scuola, università, forza armate e dell’ordine e sanità?”

Anief ricorda che la Corte costituzionale di Vienna mette in dubbio l’obbligo vaccinale: non solo ha deciso di avviare una procedura di revisione dell’ordinanza, ma ha anche inviato un gruppo di domande al ministro della Salute austriaco che ha tempo fino al 18 febbraio prossimo per rispondere dati con “informazioni precise e puntuali” e non certo quelle “spesso propagandistici, sinora diffusi”: la Corte vuole sapere se i dati sui ricoveri e sui decessi includono tutte le persone contagiate, vuole anche avere dati esatti e certi sulla riduzione del rischio di morte dopo ogni fase vaccinale e sapere in quale misura la vaccinazione arresti la diffusione del virus, cioè quanto si possa parlare di “epidemia dei non vaccinati”.

“L’equivalente della nostra Consulta – dice Marcello Pacifico, presidente Anief – pone le stesse domande al ministro della salute austriaco poste a quello italiano dal Consiglio di giustizia amministrativa della Sicilia che deciderà il 16 marzo prossimo sulla remissione alla Consulta della norma italiana a proposito dell’obbligo. E comunque la notizia è importante, perché l’Austria è il primo Paese europeo ad aver introdotto l’obbligo vaccinale dopo la Slovenia, dove è stato dichiarato incostituzionale prima della sua entrata in vigore per il pubblico impiego, seguito da Grecia, Italia e Francia (solo per i sanitari) mentre Spagna, Portogallo e Danimarca si avviano a seguire la Gran Bretagna nella fine di ogni restrizione. E negli Stati Uniti è stato bloccato per il personale sanitario da un Tribunale federale e dalla Corte Suprema per i lavoratori del privato”.

“Perché il Consiglio dei Ministri non fa un bagno di realtà e ne approfitta – continua Pacifico – per modificare quarantene e Dad nelle scuole, per fermare l’obbligo vaccinale, le sanzioni verso i cittadini e le sospensioni di tutti i lavoratori over 50 anni, di quelli della scuola, della sanità, delle forze armate e di polizia già attuate?”. Secondo Pacifico, “non sarebbe un segno di debolezza ma di intelligenza oltre che di buon senso, senza peraltro aspettare il giudizio della Corte di giustizia europea sui ricorsi promossi dal Tribunale di Padova proprio sull’obbligo vaccinale per il personale sanitario. Ma anche quelli sollecitati da Anief sul controllo europeo sulla corretta pubblicazione del regolamento comunitario nella Gazzetta italiana del Green Pass”.

WhatsApp
Telegram

Avviso importante: come ottenere la Cessione del Quinto in Convenzione NoiPa senza pagare Commissioni e Spese d’istruttoria con PrestitoPiù