Stipendio: scuole non hanno ancora i soldi per pagare incarichi aggiuntivi e bonus merito

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Stipendio luglio 2019: sembra sfumare la possibilità di avere nell’accredito previsto per il 23 del mese la retribuzione degli incarichi aggiuntivi svolti dai docenti nel corso dell’anno scolastico 2018/19. 

La denuncia è dell’ANCODIS, che spiega che a  settembre 2018 – ha la Direzione Generale ha comunicato l’assegnazione delle risorse finanziarie per il funzionamento didattico ed amministrativo.

Questo passaggio, previsto dalla Legge 107/2015, permette alle scuole di attuare un’adeguata programmazione delle attività previste nel Piano Triennale dell’Offerta Formativa (PTOF) sulla base concreta delle risorse che saranno assegnate.

Purtroppo – ribadisce ANCODIS – ancora oggi sui POS delle scuole non è stata caricata la risorsa economica assegnata con l’impossibilità delle stesse di riconoscere economicamente ai docenti ed al personale ATA il lavoro fatto nel corso dell’anno ed in orario extrascolastico.

Si tratta  del Fondo per il miglioramento dell’offerta formativa (MOF) previsto all’art.40, commi 1 e 2 del CCNL 2016/2018 del 19/4/2018 destinato

  • al Fondo dell’Istituzione scolastica (lettera a)
  • alle attività complementari di educazione fisica (lettera b)
  • alle funzioni strumentali all’offerta formativa (lettera c)
  • agli incarichi specifici ATA (lettera d)
  • ai progetti nelle aree a forte rischio sociale (lettera e)
  • alle ore eccedenti per le sostituzioni del personale (lettera f)
  • alle attività di recupero nella Scuola Secondaria di secondo grado (comma 5 lettera b)
  • alle risorse del bonus per la valorizzazione del merito dei docenti (comma 2 lettera a)

Tali incarichi vanno di solito retribuiti entro il 31 agosto di ciascun anno scolastico, fondi permettendo.

N.B. Naturalmente il fondo verrà attribuito, ma i pagamenti potrebbero subìre dei ritardi.

Versione stampabile
Argomenti:
anief banner
soloformazione