Stipendio: per i supplenti brevi “misero Natale”, mesi di ritardo. Si spera nel Decreto Energia

WhatsApp
Telegram

Stipendio supplenti brevi e temporanei: ancora pagamenti nei ritardi. A denunciarli le proteste che giungono alla nostra redazione. Una speranza può arrivare dal rifinanziamento in Legge di Bilancio.

“Supplenti brevi che a decorrere da settembre 2022 devono ancora ricevere uno stipendio. Le segreterie scolastiche non possono nemmeno autorizzare i ratei stipendiali perchè non sono ancora stati stanziati i fondi sui relativi capitoli di bilancio e, noi, siamo qua a trascorrere il nostro “misero Natale”.”

“ad oggi 1 /12 2022 quando è iniziato il terzo mese di supplenza con tutte le difficoltà del caso ,non ancora è stato percepito nessuno stipendio, ed inoltre non sono arrivate nemmeno le credenziali per il Noipa` .Poi la stessa scuola si lamenta di non trovare supplenti, ma queste come si devono mantenere e sostenere senza uno stipendio che arrivi in modo preciso? È così che funziona o siamo stati sfortunati?”

“Ho assunto servizio il 19/10/2022 in qualità di Coll.Scol. Supplente Temporaneo Breve. Quando riceverò lo stipendio? A scuola mi hanno detto che dipende da Roma e che mancano i soldi. E’ possibile? Non esiste una normativa in merito?” 

Posto che il pagamento per le supplenze temporanee è sempre posticipato di almeno un mese.

Il refrain del mancato pagamento per più mensilità però torna purtroppo a farsi sentire.

Nuovi soldi per le supplenze

Il governo ha incrementato di 150 milioni di euro il fondo per il pagamento delle supplenze brevi e saltuarie. La misura è contenuta nel decreto legge n.179 del 23 novembre, quello che proroga gli sconti sul carburante.

Le risorse dovrebbero consentire di far fronte alle spese per i contratti di breve durata.

TESTO

Si spera quindi che nei prossimi mesi la situazione possa tornare regolare. Ci auguriamo naturalmente che il personale coinvolto in questa situazione sia numericamente molto basso.

WhatsApp
Telegram

TFA Sostegno VIII CICLO. La pubblicazione del decreto è imminente. Preparati con il metodo ideato da Eurosofia