Stipendio maggio 2018. Rata ordinaria il 23, poi probabile secondo cedolino con arretrati

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Questa l’ipotesi più plausibile per il pagamento degli stipendi nel mese di maggio. La data del 23 maggio, data di esigibilità per il pagamento ordinario degli stipendi per il personale con contratto a tempo indeterminato o determinato fino al 30 giugno o 31 agosto, non è in discussione.

Così come non è in discussione la consueta emissione speciale per le supplenze brevi, il cui accredito avverrà poi circa 8-10 giorni dopo.

L’attesa si concentra invece sul pagamento degli arretrati relativi al nuovo CCNL 2016/18, e che – da comunicazione di NoiPA saranno pagati entro maggio.

L’indicazione vaga ha lasciato con il fiato sospeso i dipendenti che al momento possono solo fare affidamento alle varie tabelle di calcolo, molte delle quali però si riferiscono al periodo fino a marzo 2018, quando si pensava che tale somma sarebbe stata accreditata. Seppure di poco dunque la cifra degli arretrati potrebbe essere superiore a quella attesa. In linea generale l‘aumento sarà in media di 55 euro per tutti. Il motivo lo abbiamo spiegato in Stipendio: aumenti al lordo dipendente, ecco perché la media è di 50 euro. In busta paga da giugno

Ma le sorprese non finiscono qui, in quanto dietro l’angolo – ossia dal 1° gennaio 2019lo stipendio potrebbe abbassarsi nuovamente. Stipendi, potrebbero essere tagliati nel 2019. A quanto ammonterebbe la perdita?

Intanto, gli arretrati potrebbero arrivare dopo il pagamento della rata ordinaria, nell’ultima settimana di maggio, con cedolino dedicato, che risulta tuttora in lavorazione.

Gli arretrati riguarderanno (per quanto spettanti) anche i precari e i pensionati.

AGGIORNATO 15 maggio 2017 https://www.orizzontescuola.it/stipendio-noipa-a-maggio-due-cedolini-ordinario-il-17-maggio-e-straordinario-per-gli-arretrati-ufficiale/

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
soloformazione