Stipendio gennaio 2014. 150 euro (eventualmente) decurtati, saranno recuperati con una emissione straordinaria

di Lalla
ipsef

red – Quest’ultima avrà la stessa data di esigibilità della rata dello stipendio di gennaio 2014. In questo modo nello stesso mese si avrebbe sia la decurtazione, sia il recupero della somma.

red – Quest’ultima avrà la stessa data di esigibilità della rata dello stipendio di gennaio 2014. In questo modo nello stesso mese si avrebbe sia la decurtazione, sia il recupero della somma.

"La nota del ministero dell’Economia

Con lo stipendio ordinario di gennaio è stata data applicazione al D.P.R. 122/2013 con blocco degli scatti di anzianità dal 2013 e recupero degli eventuali debiti per un importo massimo mensile di 150 euro lordi.
Come da disposizioni concordate tra il Ministero dell’economia e delle finanze e dal Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca, è sospesa l’attività di recupero e l’importo di 150 euro lordi verrà rimborsato con esigibilità contestuale a quella dello stipendio ordinario in pagamento nel mese di gennaio 2014.
Ulteriori emissioni straordinarie potranno essere effettuate in attuazione delle decisioni che verranno assunte in sede governativa in ordine al riconoscimento degli scatti di anzianità ai lavoratori che ne abbiano beneficiato nell’anno 2013.

Cordiali saluti
DSII – ufficio V"

Per i prossimi mesi si attende quindi ciò che potrebbe essere deciso già nel Consiglio dei Ministri di domani venerdì 17 gennaio. 

E’ infatti attesso un decreto che dovrebbe disinnescare il DPR 122 che proroga a tutto il 2013 il blocco degli scatti di anzianità, in modo da non rendere più operativa la procedura di recupero e revisione delle posizioni stipendiali acquisite nei confronti di coloro che hanno fruito di scatto nel 2013. 

Versione stampabile
anief anief voglioinsegnare