Stipendio fino al 31 agosto per docenti che insegnano oltre le 18 ore. La sentenza del Tribunale di Bologna

di Elisabetta Tonni
ipsef

item-thumbnail

Sentenza positiva per un gruppo di docenti che ha fatto ricorso per avere il pagamento delle ore eccedenti le 18. A loro spetterà lo stipendio per l’intero anno.

Lo ha stabilito la sentenza 205 del 18 aprile 2018 del Tribunale del Lavoro di Bologna. Alla magistratura si erano rivolti alcuni docenti che nell’anno scolastico 2015/2016 avevano svolto su richiesta formale del preside alcune ore di lavoro in più (chi due e chi sei) rispetto a quelle previste dietro la cattedra.

Gli stessi insegnanti avevano informato come il prolungamento dell’orario fossero da svolgere in classi previste in organico di diritto da parte del Ministero e non costituissero ore aggiuntive o integrative.

La sede territoriale della Ragioneria dello Stato aveva invece respinto i contratti stipulati fino al 31 agosto, indicando che la data avrebbe dovuto essere quella del 30 giugno. Da qui, l’avvio della procedura legale.

Il Giudice ha dato ragione ai docenti, confermando che le ore eccedenti fanno parte di quelle obbligatorie che devono essere conteggiate anche per i mesi di luglio e agosto. Ha condannato il Mef al pagamento di quanto dovuto agli insegnanti.

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione