Stipendio, è vero che a giugno ci sarà un aumento?

Stampa

Accreditato lo stipendio di maggio al personale con contratto a tempo indeterminato o supplenza al 30 giugno o 31 agosto, si guarda al mese successivo. Per il mese di giugno NoiPA ha comunicato delle novità. 

Aumento stipendio giugno: sì e no

Alle richieste che giungono in redazione non possiamo che fornire questa risposta, in quanto molto dipende dalla situazione individuale.

Innanzitutto è sempre bene chiarire che si parla di “indennità di vacanza contrattuale” e non di “aumenti”. Il contratto del comparto infatti è scaduto il 31 dicembre 2018 e non ancora rinnovato.

NoiPA, con apposito avviso,  ha comunicato che da giugno l’indennità di vacanza contrattuale sarà erogata in base al gradone di appartenenza e non più come unico gradone, come fatto per i mesi di aprile e maggio.

Si calcolerà lo 0,42% in base alla fascia stipendiale di anzianità in cui si è attualmente inseriti.

Di conseguenza, per alcuni insegnanti e ATA, l’indennità di vacanza contrattuale potrà aumentare di qualche euro.

Ci saranno inoltre gli arretrati spettanti.

Il calcolo per gradone

Come dicevamo, quindi, la variazione dello stipendio dipende dalla situazione personale. Inoltre, anche a giugno saranno applicate le addizionali regionali e comunali.

Dal 1° giugno l’importo dello stipendio sarà visualizzabile su Consulta pagamenti dell’area riservata di NoiPA, il cedolino sarà invece caricato qualche giorno prima dell’emissione.

Stampa

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia