Stipendio: datori di lavoro non potranno far firmare buste paga superiore a quanto percepito

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Lo stipendio non potrà più essere pagato in contanti, lavoratori non saranno più ricattabili. Approvata oggi la legge.

“Questa mattina – scrive l’On. Carocci (PD) sul proprio profilo Facebook – abbiamo approvato due leggi importanti. La prima tutela i lavoratori, pubblici e privati, che denunciano comportamenti illegali sul luogo di lavoro.

La seconda impedisce che il datore di lavoro (come purtroppo succede) obblighi il lavoratore a firmare la ricevuta dello stipendio per un importo superiore a quello che gli viene effettivamente corrisposto. Si fa attraverso l’obbligo di traccibilità del pagamento degli stipendi (in parole povere, gli stipendi non potranno essere pagati in contanti) e la firma sulla ricevuta non costituirà più una prova.

Così i lavoratori non saranno più ricattabili.”

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
voglioinsegnare