Stipendio: con 85 euro di aumento contrattuale a rischio gli 80 euro di Renzi?

WhatsApp
Telegram

Animata discussione nel nostro forum sulle conseguenze di un aumento medio contrattuale dello stipendio degli insegnanti e del personale della scuola di 85 euro. A “rischio” gli 80 euro del bonus Renzi?

Ricordiamo che il bonus di 80 euro viene erogato per intero con reddito annuo imponibile entro i 24.000 euro.

In particolare il bonus è previsto per chi ha un reddito lordo all’anno da 8.001 a 26mila proveniente da lavoro dipendente e alcune categorie assimilate al lavoro dipendente. Il bonus annuale è pari a 640 euro per le fasce di reddito da 8.001 a 24mila e diminuisce  gradualmente fino ad azzerarsi per coloro che rientrano tra i 24.001 e i 26mila euro lordi l’anno.

L’aumento contrattuale di 85 euro sarebbe quello medio, ma ci sarebbero aumenti diversificati per qualifiche e per fasce.

Un eventuale aumento degli stipendi ha conseguenze su pensione e Tfr, il bonus di 80 euro no.

Un esempio per i docenti lo fornisce la nostra moderatrice fradacla

“Di solito, al rinnovo dei contratti, le nuove tabelle risultano aumentate di una percentuale rispetto alle vecchie.
Per esempio, tra gli stipendi attuali (tabelle 2009) e quelli del contratto precedente (tabelle 2005) la differenza si aggira intorno al 9%.
Significa che lo stipendio più basso in assoluto (docente primaria fascia 0) è aumentato di 145, quello più alto (docente superiori fascia 35) è aumentato di 245.”

Partecipa alla conversazione

WhatsApp
Telegram

TFA sostegno VII ciclo, ecco il bando. Corso di preparazione: proroga prezzo scontato 120 euro al 31 maggio