Stipendio, a DSGA incaricati spetta apposita indennità. Sentenza

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Sentenza a favore di DSGA incaricati – Sentenza Tribunale Reggio Emilia n. 52 del 2019 n.52/2019. A quanto deve ammontare il loro stipendio. 

Il ricorso pilota è stato seguito dall’Ufficio legale della UIL Scuola (Avvocati Naso/Ganzerli) che si sono rivolti al Giudice del lavoro di Reggio Emilia, a tutela di un proprio iscritto, incaricato DSGA da oltre un decennio.

Lo stesso rivendicava, nei confronti del MIUR e del MEF, non solo il diritto alla rifusione dell’importo illegittimamente decurtato dalla sua retribuzione mensile a titolo di “valorizzazione ATA”, ma anche il riconoscimento delle mansioni superiori di DSGA svolte continuativamente e, per l’effetto, il diritto a percepire sia il compenso a titolo di seconda posizione stipendiale, sia, in aggiunta, a percepire integralmente l’indennità per le funzioni superiori di DSGA svolte.

Il giudice del lavoro di Reggio Emilia, con la sentenza “apripista” in oggetto, ha accolto  la tesi difensiva del ricorrente.

Ha condannato il MIUR e il MEF in solido a restituirgli l’importo illegittimamente decurtato dalla sua retribuzione mensile a titolo di “valorizzazione ATA”, nonché a corrispondergli quanto dovuto a titolo sia di seconda posizione stipendiale, sia, in aggiunta, di indennità per le funzioni superiori di DSGA svolte, sancendo così il principio che l‘assistente amministrativo che svolge le funzioni di dsga incaricato, ha diritto a vedersi riconosciuta un’indennità apposita che va aggiunta alla prima o seconda posizione stipendiale eventualmente percepita.

Resta fermo che si tratta di sentenza di primo grado e, pertanto riformabile.

Versione stampabile
Argomenti:
anief banner
soloformazione