Stipendi scuola, aumento in vista per i docenti: fino a 160 euro

Stampa

Aumento di stipendio per i docenti italiani. Così come segnala Il Sole 24 Ore, il mondo della scuola dovrebbe beneficiare di un discreto aumento in busta paga.

In aggiunta ai 400 milioni già previsti dalla manovra 2021, al momento gli insegnanti porterebbero a casa 92-93 euro di aumento contrattuale medio (60 netti) più altri 100 euro (ma solo fino a 28mila euro di redditi) derivanti dal taglio all’Irpef che viene rifinanziato dalla stessa legge di bilancio.

La ministra dell’Istruzione, Lucia Azzolina, ha già messo al lavoro i suoi tecnici e punta a definire l’atto di indirizzo (per l’Aran) entro gennaio.

Per il ministero, con la doppia operazione rinnovo Ccnl e taglia-cuneo (in vigore dal 1° luglio) per una fetta molto ampia di professori si raggiungerebbe l’aumento a tre cifre, promesso da Marco Bussetti prima, da Lorenzo Fioramonti poi, e rinnovato dall’attuale governo Conte.

Gli aumenti in arrivo, però, sono diversi caso per caso.

I docenti dell’infanzia fino a 25 anni di anzianità, della primaria fino a 20 anni, di medie e superiori con 15 anni di servizio hanno stipendi piuttosto bassi (sotto i 26.600 euro), e prendono, perciò, solo 20 euro aggiuntivi oltre ai 60 in arrivo con il rinnovo. I docenti con 35 anni di anzianità (una larga parte) hanno redditi di 36mila euro imponibili, che possono superare i 40mila: non traggono beneficio dal taglia-cuneo, che è calcolato sul reddito Irpef e non sulla retribuzione. Per loro, dunque, l’impatto del rinnovo si sostanzierà in 60 euro netti in più al mese.

Legge di Bilancio e Recovery Plan: quale futuro per la scuola? Speciale su OS TV [Lunedì 30 novembre alle 14.30]

Stampa

Concorsi ordinari docenti entro il 2021, anche DSGA. Preparati con CFIScuola!