Stipendi, oggi accreditati aumenti, Anief: inflazione rimane sopra del 5%

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Anief – Si è completata oggi l’estenuante operazione che ha portato all’aumento dello stipendio di oltre un milione di dipendenti della scuola, tra docenti e Ata, assunti di ruolo o con supplenza annuale, oltre che ai dipendenti del comparto Istruzione e Ricerca, dirigenti esclusi: stamane, il contratto 2016/18, sottoscritto definitivamente il 20 aprile scorso, è infatti entrato a regime, portando nelle busta paga del personale scolastico aumenti miseria dopo quasi un decennio consecutivo di fermo stipendiale.

L’incremento arriva dopo che a fine maggio erano stati accreditati gli arretrati – poche centinaia di euro – per coprire, anche se solo figurativamente, il periodo di mancato rinnovo contrattuale compreso tra gennaio 2016 e maggio 2018.

Anche la consistenza degli aumenti di stipendio, accreditati oggi, è variabile a seconda dell’anzianità di servizio e del profilo professionale di collocazione: in base alla tabella riassuntiva predisposta dalla rivista specializzata Orizzonte Scuola, per gli insegnanti si va dai 56 ai 95 euro; i collaboratori scolastici, gli assistenti amministrativi e tecnici si sono dovuti accontentare di aumenti che vanno dai 43 ai 65 euro; va un po’ meglio ai Dsga, ai quali sono stati corrisposti tra i 63 e i 99 euro massimi.

In assoluto, si tratta non di aumenti, ma di semplici ritocchi. A dirlo non è solo l’Anief, ma anche il sindacato della parte pubblica: solo qualche giorno fa, infatti, l’Aran ha calcolato, prendendo in esame le principali fonti statistiche nazionali disponibili (Ragioneria generale dello Stato e Conto annuale, Istat), che la perdita progressiva di valore dei dipendenti pubblici, rispetto all’inflazione, equivale all’8,1%. Questo significa che avendo recuperato, con questo contratto, solo poco più del 3 per cento, l’inflazione continua a sovrastare gli stipendi dei dipendenti del comparto Scuola di circa il 5 per cento.

“Continuiamo a stupirci – commenta Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief e segretario confederale Cisal – della distanza abissale tra quanto avrebbero dovuto percepire i lavoratori della scuola e quanto è arrivato oggi nei loro stipendi: infatti, per riuscire a superare il costo della vita, la consistenza degli aumenti doveva essere quasi il triplo di quella accordata da Miur e Mef e i sindacati Confederali hanno anche brindato per il risultato raggiunto”.

“Rimane pertanto necessario chiedere giustizia nelle sedi giudiziarie: in questo modo Anief, attraverso i propri legali, punta a recuperare almeno il 50% del tasso IPCA non aggiornato dal settembre 2015. Producendo anche migliaia di euro per i mancati arretrati. Inoltre, – conclude Pacifico – con la fine del corrente anno solare, verranno meno anche i finanziamenti della perequazione, ovvero la tutela introdotta dall’ultimo Governo per gli stipendi più bassi, per i quali non si è stati in grado di trovare le risorse utili ad arrivare a quel 3,48% di incremento a regime invece garantito alle buste paga medio-alte”.

Gli interessati al ricorso contro gli aumenti stipendiali miserevoli possono ancora chiedere il modello di diffida al seguente indirizzo di posta elettronica: [email protected]

TUTTI I RICORSI GRATUITI ANIEF PER RECUPERARE LE SOMME SOTTRATTE AI LAVORATORI

Anief ricorda di avere messo a disposizione dei ricorrenti il modello di diffida gratuito per ottenere quanto dovuto dallo Stato e per richiedere il mal tolto. Il sindacato prosegue i ricorsi gratuiti per attribuire il conferimento dell’indennità di vacanza contrattuale nel periodo 2008-2018. Si ricorda che la violazione della normativa comunitaria riguarda anche la mancata stabilizzazione: si può quindi decidere di ricorrere in tribunale per ottenere scatti di anzianità, il pagamento dei mesi estivi e adeguati risarcimenti. Ai ricorsi sono interessati pure i lavoratori già immessi in ruolo.

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
soloformazione