Stipendi docenti, l’Italia agli ultimi posti in Europa: 80mila in Svizzera, 51mila in Danimarca. I dati dell’Education price index

WhatsApp
Telegram

Il recente rinnovo del contratto scolastico ha riportato al centro del dibattito il delicato argomento del compenso del personale scolastico. Una questione che, malgrado l’incremento salariale previsto, continua a posizionare gli insegnanti italiani in una fascia bassa a livello internazionale.

L’Education price index, lo studio condotto dalla banca online N26, analizza lo stipendio medio lordo di professionisti dell’educazione in 50 Paesi. Dai dati emerge una realtà sconcertante: nonostante l’aumento salariale, i docenti italiani si posizionano solo al 31° posto. Questo li colloca ben al di sotto dei loro colleghi in numerosi paesi europei.

Ad esempio, in Spagna, un insegnante guadagna mediamente 29mila euro lordi all’anno, piazzandosi alla 29° posizione. In Francia e Germania le cifre sono ancora più elevate, con 30mila euro a Parigi e ben 43mila euro a Berlino.

Ma a dominare la classifica europea è la Danimarca. I docenti danesi percepiscono uno stipendio lordo di 51mila euro l’anno, rivelando una differenza sostanziale rispetto all’Italia. Ancora più in basso troviamo Portogallo e Grecia, con 21mila e 19.900 euro rispettivamente.

Fuori dall’UE, la Svizzera rappresenta un caso eccezionale: gli insegnanti svizzeri guadagnano quasi 80mila euro annui, mostrando un divario impressionante rispetto al resto d’Europa. Invece, in fondo alla lista, troviamo Paesi come Ucraina e Russia con stipendi lordi annui tra i 6.200 e i 7.100 euro.

Leggi anche

Rinnovo contratto scuola, c’è la firma! 124 euro (lordi) in più per docenti, 94 per Ata, 190 per Dsga. Formazione e permessi: le novità

TESTO FIRMATO [PDF]

WhatsApp
Telegram

Abilitazione all’insegnamento 30 CFU. Corsi Abilitanti online attivi! Università Dante Alighieri