Stipendi docenti legati agli obiettivi. Succede in Francia

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Lo stipendio dei docenti potrebbe oscillare in base al loro rendimento riscontrabile sulla base di un “contrats d’objectifs”.

E’ quanto prevede la riforma della scuola francese formulata dal ministro all’Educazione nazionale, Jean-Michel Blanquer.

Come spiega l’Huffington Post, la parte variabile dello stipendio sarebbe calcolata solo su una certa parte endio dei docenti (un migliaio di euro al mese, è l’idea del ministro).

La riforma è stata presentata al Conseil Supérieur de l’éducation, una sorta di parlamentino all’interno del ministero che rappresenta tutta la filiera educativa e, come già anticipato anche da Orizzonte Scuola, prevede anche l’anticipo dell’obbligo scolastico a partire dai 3 anni di età del bambino. 

Versione stampabile
anief
soloformazione