Stipendi docenti, in Italia 51.045 dollari contro 60.677 media Ocse. Le cifre

Stampa

Stipendi insegnanti italiani confrontati alla media Ocse, secondo l’ultimo rapporto Education at glance 2019 curato dall’Ocse.

A far riflettere nuovamente sull’inadeguatezza degli stipendi dei docenti italiani è stato Papa Francesco che, al seminario organizzato in Vaticano dalla Pontificia Accademia delle Scienze Sociali sul tema “Istruzione: il Patto globale”, ha ricordato: “Davanti alle sfide dell’educazione ruolo cruciale è quello dei docenti, sempre sottopagati. La loro funzione deve essere riconosciuta e sostenuta con tutti i mezzi possibili. È necessario che abbiano a disposizione risorse nazionali, internazionali e provate adeguate“.

In effetti, secondo l’ultimo rapporto Education at glance 2019, un insegnante di scuola primaria guadagna, in Italia, 30.403 dollari, contro una media Ocse di 31.276 dollari, per poi arrivare a fine carriera a 44.468 dollari, contro una media Ocse di 55.364 dollari.

Ancora più evidente la differenza stipendiale se si guardano i dati relativi agli insegnanti delle secondarie di primo e secondo grado. Un professore delle medie guadagna 32.725 dollari a fronte di una media Ocse di 34.230 dollari. Dopo 15 anni il confronto è tra 39.840 dollari (Italia) e 47.675 dollari (media Ocse). A fine carriera tra 48.833 (Italia) e 57.990 (media Ocse). Alle secondarie di secondo grado, a inizio carriera un docente in Italia guadagna 32.725 dollari, contro i 35.859 dollari della media Ocse. Dopo 15 anni, 40.952 dollari (Italia) e 49.804 dollari (media Ocse), a fine carriera, 51.045 (Italia) e 60.677.

 

Stampa

Sogni d’insegnare all’estero? Scegli come requisito d’accesso alle prove il corso di interculturalità di Eurosofia