Stefano Rodotà critica la Buona Scuola

di redazione
ipsef

La parte dell'intervento del professor Stefano Rodotà al programma "Di Martedì" in cui critica alcuni aspetti fondamentali del DDL Scuola. Canale: La7

La parte dell'intervento del professor Stefano Rodotà al programma "Di Martedì" in cui critica alcuni aspetti fondamentali del DDL Scuola. Canale: La7

Rodotà è stato candidato non eletto per l' elezione del Presidente della Repubblica Italiana del 2013.

Si riproduce la logica della centralizzazione del potere, con la creazione di una nuova figura del preside come governante della scuola, l'accentramento di potere aumenterà il conflitto, la difficoltà nella gestione della scuola. E' una regola di funzionalità.

C'è una questione riguardante il finanziamento, che ci sia un contributo anche dai privati, questo si farà nella scuola dove si farà nelle scuole dove i ragazzi sono figli di benestanti, nelle scuole disagiate nessuno vorrà investire.

Finanziamento alle scuole private: la Costituzione dice che la Repubblica deve istituire scuole di ogni ordine e grado, deve in primo luogo consentire che la scuola pubblica funzioni al meglio. Solo quando questa condizione sarà soddisfatta, si potrà pensare ai privati.

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
soloformazione