Statistiche. L’istruzione tecnica in Italia crea meno disoccupati

Stampa

Contrariamente alla maggior parte dei Paesi dell’Ocse, infatti, nel 2014, il tasso di disoccupazione in Italia per le persone con un titolo d’istruzione tecnico-professionale della scuola secondaria superiore è stato inferiore rispetto a quello dei giovani con un’istruzione secondaria superiore generale o terziaria.

E’ affermato l’ultimo rapporto Ocse “Education at a glance” 2016 facendo notare che rispetto ai programmi con un indirizzo simile negli altri Paesi, il vantaggio degli istituti italiani è di consentire l’accesso all’università. E proprio perché in Italia i programmi di studio a indirizzo tecnico-professionale offrono agli studenti la scelta tra inserimento nel mercato del lavoro e proseguimento degli studi a un livello superiore, una maggiore percentuale di studenti della scuola secondaria
superiore è iscritta a questo tipo di programmi (56%).

Il rimanente 44% è iscritto a programmi liceali che preparano in genere gli studenti all’istruzione terziaria. In media, negli
altri Paesi dell’Ocse si osserva la situazione opposta.

Stampa

Dattilografia + ECDL: 1,60 punti per il personale ATA a soli 160€!