Stabilizzazione e risarcimento danni: altre due vittorie ANIEF a Trento

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Anief – Ancora una volta, infatti, è stata sanzionata in tribunale l’illecita reiterazione di contratti a tempo determinato su posti palesemente vacanti svolti addirittura per una successione di anni nella medesima istituzione scolastica e per un periodo che supera i 36 mesi di servizio.

 Ancora una volta, sono stati i legali Anief Fabio Ganci, Walter Miceli e Maria Maniscalco a ottenere giustizia per i precari della provincia di Trento cui il tribunale riconosce il diritto a percepire un risarcimento del danno commisurato agli anni di servizio svolti oltre il 36 mesi, condannando, inoltre, le Amministrazioni resistenti a pagare le spese di lite. Il Giudice del Lavoro di Trento, dunque, ha ribadito come la giurisprudenza della Corte di Giustizia abbia chiarito la portata generale della direttiva 1999/70/CE, del principio della parità di trattamento e del divieto di discriminazione che vi sono affermati e rilevando l’illegittimità posta in essere dalla PAT attraverso la serie di contratti a termine stipulati in successione su posti vacanti, riconosce ai due docenti il diritto al risarcimento del danno subito quantificandolo in un totale che supera i 7500 Euro.

“Abbiamo dimostrato ancora una volta che la violazione di norme imperative comunitarie – spiega Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief e segretario confederale Cisal – deve essere sanzionata in tribunale: la reiterazione illegittima e indiscriminata di contratti a tempo determinato su posti vacanti andando ben oltre il limite dei 36 mesi di servizio non può essere tollerata e i tribunali, giustamente, ci stanno dando ragione condannando le amministrazioni”. A fronte dei nuovi successi ottenuti, l’Anief rilancia l’invito a tutti i lavoratori precari, docenti o ATA, con almeno 36 mesi di servizio su posto vacante ad aderire ai ricorsi finalizzati al risarcimento del danno specifico per i lavoratori in servizio presso la PAT  e a quelli nazionali per il risarcimento del danno rivolti a tutti i precari della scuola.

 

Per ulteriori informazioni e aderire ai ricorsi Anief, clicca qui.

Per i ricorsi studiati appositamente da Anief per la Provincia Autonoma di Trento, clicca qui.

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief voglioinsegnare