Stabilizzazione precari, Fratelli d’Italia: “Proposta sempre respinta da Azzolina. Da Draghi serve discontinuità”

Stampa

“Se effettivamente il presidente incaricato Mario Draghi ha sottolineato la necessità di lavorare da subito perché a settembre tutte le cattedre siano assegnate e i docenti presenti in classe dal primo giorno del nuovo anno scolastico, siamo sulla buona strada”. Lo scrivono i deputati di Fratelli d’Italia Carmela Ella Bucalo e Paola Frassinetti, rispettivamente responsabile scuola del dipartimento istruzione di Fd’I e vicepresidente commissione Cultura.

Un segnale di discontinuità con la politica del ministro Azzolina: questa è infatti sempre stata una battaglia di Fratelli d’italia. Ovvero la stabilizzazione dei precari con un concorso per titoli e servizi, riservato a tutti coloro che hanno almeno 36 mesi di servizio“, proseguono le parlamentari.

Purtroppo, i tanti emendamenti presentati, sono rimasti lettera morta. Non ci serve una poltrona per aiutare l’Italia, saremo la sentinella della democrazia, continuando a fare opposizione costruttiva“, concludono Bucalo e Frassinetti.

Stampa

Graduatorie terza fascia ATA: incrementa il punteggio con le offerte Mnemosine, Ente accreditato Miur