Stabilizzazione precari. Docente assunta con sentenza Napoli aveva 54 anni, si aprono le speranze: per quanti?

Stampa

Dopo due mesi dalla sentenza della Corte di giustizia europea che ha condannato l'Italia per la reiterazione dei contratti a termine, arriva la risposta dai tribunali italiani. Adesso bisogna contare gli interessati.

Subito dopo la sentenza, abbiamo sentito l'avvocato De Michele, al quale, in tempi record, abbiamo fatto una intervista per farci spiegare risvolti e retroscena.

Dopo due mesi dalla sentenza della Corte di giustizia europea che ha condannato l'Italia per la reiterazione dei contratti a termine, arriva la risposta dai tribunali italiani. Adesso bisogna contare gli interessati.

Subito dopo la sentenza, abbiamo sentito l'avvocato De Michele, al quale, in tempi record, abbiamo fatto una intervista per farci spiegare risvolti e retroscena.

E' stato l'avvocato De Michele che, citiamo dall'intervista, ha fatto da "topo da biblioteca" e creato quella sinergia tra vari avvocati che ha consentito di raggiungere il successo.

Ieri, in un articolo comparso sul quotidiano "La Stampa", una delle docenti entrata in ruolo, che afferma di essere stata seguita dall'ANIEF, confessa un lungo percorso giudiziario, fin dal 2011.

13 anni di gavetta sono tanti, ma adesso, a 54 anni entrerà in ruolo con ricostruzione della carriera.

Si apre uno spiraglio per tutti quei prof con più di 36 mesi di servizio. Ma quanti sono? Secondo alcune stime dei sindacati, sono 250mila, anche se il Ministro Giannini ha parlato di poche migliaia di interessati.

Seguici su FaceBook per avere info sulle assunzioni

Se dovessero avere ragione i sindacati, la spesa per lo stato potrebbe aggirarsi sui 2 miliardi di euro.

La parola passa nuovamente ai tribunali.

Vedi anche

Sentenza Napoli stabilizza tre precari con più di 36 mesi di servizio. Il commento dell'Avv. De Michele

Stampa

Concorsi ordinari docenti entro il 31 dicembre 2021. Il 9 novembre ne parliamo in diretta. Registrati al webinar