Spot Esselunga, Recalcati: Una lezione di maturità emotiva. Mette in luce la natura umana del legame genitoriale

WhatsApp
Telegram

Nel recente spot pubblicitario di Esselunga, emerge un delicato racconto che accende riflessioni profonde sul nucleo familiare e il legame indissolubile tra genitori e figli.

L’interpretazione dello psicanalista Massimo Recalcati, su La Repubblica, apre una finestra su come la narrazione pubblicitaria riesca a toccare corde intime della nostra esistenza, offrendo spunti di riflessione che vanno oltre la semplice promozione commerciale.

Nel cuore dello spot, una bambina opta per una pesca invece che per una mela, simbolismo che va oltre la mera scelta fruttata. Secondo la mitologia cinese, la pesca rappresenta l’immortalità, metafora del legame indissolubile e perenne tra i genitori, nonostante la loro separazione. Recalcati sottolinea come questa scelta rifletta un desiderio infantile di preservare l’unità e la continuità affettiva, un anelito che risuona in molti.

L’analisi di Recalcati mette in luce la natura umana del legame genitoriale. La bambina, attraverso la sua scelta simbolica, esprime la speranza che l’affetto tra i genitori rimanga inalterato, nonostante le difficoltà. La teoria del legame sicuro di Bowlby trova riscontro in questa rappresentazione, dove il nucleo familiare rappresenta una “base sicura” per la crescita emotiva del bambino.

Contrariamente a una lettura superficiale, lo spot non celebra la famiglia tradizionale anti-divorzista, ma evidenzia la maturità emotiva dei genitori nel gestire la separazione, mantenendo integro l’affetto nei confronti della figlia. È un monito sulla necessità di preservare la stabilità emotiva dei figli, differenziando la libertà personale dalla responsabilità genitoriale.

Il messaggio veicolato attraverso la narrazione dello spot Esselunga è una lezione di maturità emotiva. Ogni genitore separato si trova di fronte alla sfida di bilanciare il proprio diritto alla libertà con l’illimitata responsabilità che comporta l’essere padre o madre. Il gesto simbolico della bambina sottolinea l’importanza di preservare un legame affettivo solido e rassicurante, anche in presenza di difficoltà coniugali.

Leggi anche

Spot Esselunga, l’opinione del fotografo Toscani: “Propone valori retrogradi, è scritto da uomini, infatti colpevolizza le donne”

Spot Esselunga, Crepet: “La separazione è un lutto che non si può vivere con nonchalance. La verità è che siamo messi male”

WhatsApp
Telegram

Percorsi abilitanti: pubblicati i bandi dei 30 e 60 cfu, scadenza 5 giugno, affidati ad EUROSOFIA E.C.P. Pegaso