Spostamenti tra Regioni 3 giugno: a rischio chiusura Lombardia, Piemonte, Liguria e Trento

Stampa

Riapertura spostamenti tra Regioni: alcune aeree potrebbe essere a rischio per il numero elevato di contagi.

Tre son le date fondamentali della riapertura dell’Italia alla fase 2: 4, 11 e 18 maggio, giorni in cui è stato dato il via libera prima per la riapertura dei negozi e poi per gli spostamenti personali. Ovviamente era da mettere in conto che ci sarebbe stato un lieve aumento dei contagi e mentre quelli relativi al 4 maggio sono stati già visti dopo 15 giorni, ora stiamo subendo quelli relativi alla maggior libertà di spostamenti del 18 maggio.

Questi dati, ovviamente, saranno consolidati solo dopo 15 giorni (tra lunedì e venerdì) proprio alle porte della nuova data del 3 giugno, che dovrebbe permettere la libertà di spostamento tra Regioni.

Purtroppo quello che si nota è che i contagi, dopo il 4 maggio, sono tornati a salire ma i 2 terzi dei nuovi contagi si registrano in Lombardia, la regione più compita dal Coronavirus non solo in Italia.

Giovanni Sebastiani, matematico specializzato in modelli statistici spiega che “Abbiamo un blocco di regioni dove l’epidemia è molto avanti. Regioni come Calabria, Sardegna, la provincia di Bolzano, la Valle d’Aosta, l’Umbria e la Basilicata hanno dati di nuovi casi bassissimi». Queste regioni, secondo Sebastiani, sono quasi alla fine dell’epidemia e anche se registrano un nuovo caso dopo 5 giorni in cui non ce n’erano, ovviamente non c’è paragone con le regioni più colpite.

Il dubbio che viene sollevato dal matematico è “Lombardia in testa, e poi Liguria, Piemonte e provincia di Trento sono assolutamente da tenere d’occhio. Speriamo di no, ma si potrà porre al decisore l’interrogativo: se chiudere queste aree agli spostamenti esterni oppure no».

Giavanni Maga, direttore di genetica molecolare del Cnr d Pavia fa notare che “La Lombardia è l’unica regione con una rialzo così significativo. Un rialzo a seguito delle aperture è fisiologico, l’importante è che sia contenuto e sempre molto inferiore ai guariti”. Difficile stabilire se i nuovi casi siano legati alle riaperture, soprattutto se non si sa a chi sono stati effettuati i tamponi.

Stampa

Acquisisci le indispensabili competenze sulla Didattica digitale integrata. Eurosofia ha creato un ciclo formativo tecnico/pratico