Spostamenti del personale bloccati, Anief chiede deroghe anche per gli oltre 40 mila neo-assunti 2023/24 con domanda cartacea

WhatsApp
Telegram

“Sulla mobilità e i trasferimenti del personale scolastico continuano a vigere degli assurdi vincoli che negano anche il diritto al ricongiungimento con la famiglia: per spostarsi sui posti privi di titolare, almeno si dia la possibilità a tutti i lavoratori di presentare la domanda di assegnazione provvisoria, anche agli oltre 40 mila neo-assunti 2023/2024 con domanda cartacea”.

Lo chiede Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief, rivolgendosi al ministero dell’Istruzione e del Merito.

“Il personale scolastico dove è in servizio il più alto numero di lavoratori della PA con il 25% di precari, non può continuare a subire limitazioni sugli spostamenti – continua Pacifico – perché in tutti i comparti, pubblici e privati, se c’è un posto libero, anche solo per un anno, va messo a disposizione di chi ha necessità di avvicinarsi a caso o che vuole spostarsi per motivi professionali o personali. E senza percentuali di limitazione, lo spostamento va fatto sul 100% dei posti. Lo sosteniamo da tempo”.

“Per questi motivi – continua Pacifico – il nostro sindacato ha presentato anche delle richieste di deroga sui vincoli oggi esistenti sulla mobilità del personale scolastico: tra gli emendamenti al decreto Coesione ve ne sono infatti due specifici su questo tema (il 29.15 e il 29.18), lo stesso che era stato affrontato da Anief e Cisal alcuni giorni prima in audizione all’Ufficio di presidenza della quinta Commissione Bilancio del Senato”, conclude il leader dell’Anief.

WhatsApp
Telegram

Abilitazione all’insegnamento 30 CFU. Corsi Abilitanti online attivi! Università Dante Alighieri