Sport a scuola, Bianchi e Vezzali firmano protocollo con la Lega di Serie A: “Crescita culturale e sociale dei bimbi anche tramite il calcio”

WhatsApp
Telegram

Il Ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi, la Sottosegretaria di Stato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri con Delega allo Sport, Valentina Vezzali e il Presidente della Lega Serie A, Lorenzo Casini, hanno firmato un Protocollo d’Intesa finalizzato alla crescita culturale e sociale delle bambine e dei bambini attraverso la promozione dell’attività sportiva nelle scuole, con particolare riguardo al gioco del calcio.

I firmatari del Protocollo si impegnano a sviluppare in collaborazione idonei programmi finalizzati a prevenire la dispersione scolastica attraverso le attività sportive come mezzo di coesione sociale, a promuovere la cultura delle pari opportunità favorendo la partecipazione femminile allo sport, a diffondere una corretta educazione civile in contrapposizione a comportamenti violenti e di bullismo.

La cooperazione tra le Istituzioni permetterà la realizzazione di iniziative congiunte in ambito nazionale e locale, con il coinvolgimento delle Società di Serie A nei rispettivi territori di appartenenza.

Per il raggiungimento delle finalità previste nel Protocollo d’Intesa saranno realizzati eventi per la diffusione della pratica calcistica e saranno create occasioni di confronto e aggiornamento tra personale docente e staff tecnici dei Club di A. Campagne di sensibilizzazione dedicate al contrasto del tifo violento e progetti volti a rafforzare la natura di fenomeno sociale e culturale del calcio italiano e della sua storia saranno elementi cardine nel raggiungimento degli obiettivi prefissati dal Protocollo d’Intesa.

La conferma arriva direttamente dal presidente della Lega Serie A: “Oggi annunciamo un accordo fondamentale per la crescita culturale, civile e sociale di bambini e ragazzi. Lo sport, ed in particolare il calcio in quanto attività più popolare tra le giovani generazioni, è fondamentale per il benessere degli studenti, per la diffusione di uno stile di vita sano che serva a contrastare la dispersione scolastica e i comportamenti di devianza giovanile”.

Prosegue Casini: “Ringrazio il Ministro Bianchi e la Sottosegretaria Vezzali per la cooperazione e la comune volontà nel raggiungimento di questo Protocollo, che sarà decisivo per promuovere nelle scuole il calcio, anche come fattore di coesione sociale tra i giovani. Ringrazio altresì per la collaborazione Sport e Salute, che saprà supportarci e collaborare nella progettualità di iniziative volte ad avvicinare il mondo della scuola alle attività motorie in ambito calcistico”.

“Da sempre convinta che sport e scuola debbano camminare insieme, ringrazio sentitamente il Ministro dell’Istruzione, Patrizio Bianche e il Presidente della Lega Calcio di Serie A, Lorenzo Casini, per Il protocollo d’intesa firmato ieri, finalizzato alla crescita culturale e sociale delle bambine e dei bambini attraverso la promozione dell’attività sportiva nella scuola, con particolare riguardo al calcio”. Così, in una nota, la sottosegretaria allo Sport, Valentina Vezzali commenta il protocollo d’intesa per la diffusione della pratica sportiva nelle scuole.

“La scuola è il luogo giusto dove promuovere la pratica sportiva – sottolinea Vezzali – permettendo la crescita della persona secondo un corretto stile di vita. Tutti conosciamo l’importanza del calcio in Italia: per passione, seguito e valore economico è il motore dello sport italiano. Per alcuni lunghi anni a molti giovani non verrà data l’opportunità di seguire l’Italia ai Mondiali, e per questo, grazie anche al contributo di Sport e Salute verranno realizzati progetti e iniziative con lo scopo di avvicinare il mondo della scuola alle attività motorie in ambito calcistico, con l’obiettivo di non disperdere l’interesse e l’attenzione dei più giovani verso lo sport più amato del Paese”.

WhatsApp
Telegram

Adempimenti dei Dirigenti scolastici per l’avvio del nuovo anno scolastico: scarica o acquista il nuovo numero della rivista per Dirigenti, vicepresidi, collaboratori del DS e figure di staff