Argomenti Chiedilo a Lalla

Tutti gli argomenti

Spezzoni pari o inferiori a 6 ore, docente titolare su COE può ottenerli nella scuola di completamento, pagati al 30 giugno

WhatsApp
Telegram

Il docente titolare su cattedra orario esterna può accettare ore aggiuntive, oltre l’orario d’obbligo, nella scuola di completamento?

Assegnazione spezzoni pari o inferiori a 6 ore

Premettiamo che:

  • la disciplina, relativa all’assegnazione degli spezzoni orario pari o inferiore a sei ore, riguarda la sola scuola secondaria di primo e secondo grado;
  • la disciplina di riferimento è contenuta nell’OM n. 112/2022, richiamata dall’annuale nota sulle supplenze;
  • sono assegnati gli spezzoni orario che non concorrono a costituire cattedra;
  • il dirigente scolastico li assegna dapprima ai docenti in servizio nella medesima scuola previo consenso degli interessati e, solo nel caso in cui non possa assegnarli ai predetti docenti, attinge dalle graduatorie di istituto;
  • nel caso di assegnazione ai docenti in servizio nella scuola, gli stessi devono essere necessariamente in possesso della specifica abilitazione per l’insegnamento relativamente al quale si assegnano le ore in esame;
  • i docenti in servizio nella scuola ad orario completo possono avere assegnate le ore succitate sino al limite di 24 ore settimanali, come ore aggiuntive oltre l’orario d’obbligo.

Premesso ciò, come si legge nell’articolo 2/3 dell’OM 112/22, ai fini dell’assegnazione degli spezzoni pari o inferiori a 6 ore, il dirigente scolastico, previo consenso degli interessati, procede nell’ordine seguente:

  1. docenti a tempo determinato, in servizio nella medesima scuola, aventi titolo al completamento e in possesso della specifica abilitazione per l’insegnamento (ricordiamo che hanno titolo al completamento i docenti che hanno ottenuto la supplenza ad orario non intero, in assenza di posti interi);
  2. docenti a tempo indeterminato, in servizio nella medesima scuola e in possesso della specifica abilitazione, fino al limite di 24 ore settimanali;
  3. docenti con contratto a tempo determinato ad orario completo, in servizio nella medesima scuola e in possesso della specifica abilitazione, fino al limite di 24 ore settimanali;

Qualora non riesca ad assegnare gli spezzoni pari o inferiori a 6 ore ai docenti in servizio nella scuola, il dirigente procede ad attribuirli attingendo dalle graduatorie di istituto, quindi nominando un supplente.

Pagamento al 31/08 o a 30/06?

Il chiarimento in merito è stato fornito dal MEF  con la circolare n. 33247 del 07/04/2016: gli spezzoni pari o inferiori a 6 ore sono retribuite (anche ai docenti di ruolo) sino al 30 giugno.

La circolare distingue tra cattedre costituite in organico di diritto con più di 18 ore (cattedre istituzionali) e ore eccedenti le 18, attribuite secondo la procedura sopra indicata modalità e disponibili in organico di fatto:

Quesito

Un nostro lettore così chiede:

Se sono titolare su una cattedra COE (15 ore nella scuola A e 3 ore nella scuola B ) con titolarità nella scuola A, posso accettare altre 6 ore eccedenti (spezzone di 6 ore) nella scuola B? Informo anche che dovrò svolgere l’anno di prova.

La risposta è affermativa: si, può ottenere le 6 ore nella scuola di completamento. Nell’OM, infatti, si dispone di assegnarle ai docenti in servizio e non titolari nella stessa scuola: … il dirigente scolastico provvede alla copertura delle ore di insegnamento pari o inferiori a sei ore settimanali, che non concorrono a costituire cattedra, attribuendole, con il loro consenso, ai docenti in servizio nella scuola medesima … 

Il nostro lettore, dunque, qualora nella scuola non vi siano supplenti, che hanno titolo a completare l’orario e siano interessati a farlo, potrà avere assegnato lo spezzone pari o inferiore a 6 ore.

WhatsApp
Telegram
Chiedilo a Lalla

Invia il tuo quesito a [email protected]
Le domande e le risposte saranno rese pubbliche, non si accettano richieste di anonimato o di consulenza privata.

Concorso docenti 2024/25, bando a novembre: cosa studiare e come prepararsi. Corso di formazione, libro “Studio rapido” e simulatore per la prova scritta