Spezzoni fino a 6 ore, non possono essere assegnati ad organico potenziato se non in eccedenza. Succede in molte scuole

Stampa

Molte le testimonianze che vanno in questa direzione tra le esperienze che sono arrivate in questi giorni alla nostra redazione.

Alcune di esse ci hanno raccontato di un utilizzo improprio del potenziamento anche per quanto riguarda le supplenze su altro ordine di scuola senza averne i titoli o su materie per le quali non si ha specifica abilitazione. Vedi qui e qui

Inoltre, alcune scuole stanno coprendo gli spezzoni pari o inferiori a 6 ore attraverso i docenti dell’oganico potenziato.

Una pratica illecita, se si considera la guida sull’attribuzione degli spezzoni elaborata da Paolo Pizzo con relativa citazione della noramtiva.

Gli spezzoni, infatti, sono attribuiti dai dirigenti con il loro consenso, ai docenti in servizio nella scuola medesima, forniti di specifica abilitazione per l’insegnamento di cui trattasi:

prioritariamente al personale con contratto a tempo determinato avente titolo al completamento di orario;

successivamente al personale con contratto ad orario completo:

– prima al personale con contratto a tempo indeterminato,

– poi al personale con contratto a tempo determinato

fino al limite di 24 ore settimanali come ore aggiuntive oltre l’orario d’obbligo.

Se tutto ciò non trova seguito, il dirigente potrà chimare il supplente dalle graduatorie.

L’attribuzione al docente di organico potenziato di uno spezzone è pertanto illecito se rientra nelle 18 ore di incarico. Possono essere assegnate se in eccedenza.

Supplenze fino a 6 ore, le regole. Ci sono casi in cui bisogna scorrere le Graduatorie d’istituto

Stampa

Eurosofia. Aggiornamento Ata: corso di dattilografia a soli 99 euro. Iscriviti ora