Spese scolastiche: oltre 1.000 euro in prima superiore

di Giulia Boffa
ipsef

item-thumbnail

Secondo i calcoli dell’osservatorio nazionale di Federconsumatori, le famiglie spenderanno 526 euro, vale a dire lo 0,8% in più rispetto a un anno fa per l’acquisto di astucci, diari, quaderni, blocchi da disegno.

Libri di testo

I costi per i libri di testo sono calati rispetto allo scorso anno, ma le spese sono ancora elevate: nel 2018 mediamente per i libri e 2 dizionari si spenderanno 456,90 euro per ogni ragazzo, l’1,1% in meno rispetto allo scorso anno.

Si spende di più per le prime classi

Per uno studente di prima media si spenderanno mediamente per libri di testo + 2 dizionari 428,80 euro (-0,1%), 526 euro per il corredo scolastico e i ricambi durante l’intero anno, per un totale di 954,80 euro.

Per uno studente di primo liceo la spesa per i libri di testo e per 4 dizionari ammonterà a 651,60 euro (-5,4% rispetto allo scorso anno) e a 522 euro per il corredo scolastico e i ricambi, per un totale di 1.177,60 euro.

Controlli rigidi

Federconsumatori ritiene opportuno che il ministero dell’Istruzione provveda ad avviare controlli rigidi sui tetti di spesa previsti per i libri, per evitare che vengano superati, e a intraprendere interventi mirati ad incentivare l’editoria elettronica, si assicuri che vengano correttamente pubblicati online gli aggiornamenti per le nuove edizioni dei testi e che si amplino i prestiti da parte di scuole e biblioteche comunali.

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione