Argomenti Consulenza fiscale

Tutti gli argomenti

Spese per istruzione automaticamente nel modello 730 precompilato: si potrebbero trovare già nel 2021

Stampa

Le spese scolastiche trovano spazio nel 730 precompilato: comunicazione da parte delle scuole facoltativa nel 2020 e nel 2021, obbligatoria dal 2022.

Con il provvedimento del 9 febbraio 2021 dell’Agenzia delle Entrate sono state rese note le istruzioni operative per istituzioni scolastiche per la comunicazione delle spese scolastiche sostenute per ogni singolo studente.

Tali comunicazioni dovranno essere effettuate entro il 16 marzo 2021 per le spese sostenute nel corso del 2020, ma per gli anni di imposta 2020 e 2021 la comunicazione è facoltativa mentre diventa obbligatoria a partire dal periodo di imposta 2022 (e quindi, certamente, a partire dalla dichiarazione dei redditi 2023 le spese di istruzione saranno inserite in modo automatico nel modello 730 precompilato).

Spese scolastiche entrano nel precompilato

Ma quali spese potremo trovare, già nel precompilato 2021, che riguardano l’istruzione dei figli? Come si legge nella circolare, sono:

  • tasse scolastiche
  • contributi obbligatori, contributi volontari ed erogazioni liberali deliberati dagli istituti scolastici
  • erogazioni liberali a favore degli istituti scolastici non deliberate dagli organi scolastici e finalizzate all’innovazione tecnologica, all’edilizia scolastica nonché all’ampliamento dell’offerta formativa.

Questo significa che i contribuenti che hanno sostenuto tali spese potranno trovarle già inserite automaticamente nel 730 precompilate già dal 2021 (anche se, ricordiamo, la comunicazione da parte degli istituti scolastici è facoltativa fino al periodo di imposta 2021) mentre le troveranno sicuramente nel 730 precompilato 2023 (visto che dal periodo di imposta 2022 la comunicazione diventa obbligatoria).

A dover trasmettere i dati sopra elencati per ogni iscritto saranno sia le scuole statali che quelle private e paritarie, ma anche le scuole degli enti locali. Le comunicazioni riguarderanno l’ammontare delle spese di istruzione sostenute e i dati identificativi sia degli iscritti che di coloro che hanno sostenuto le spese.

Si ricorda che tali comunicazioni, in ogni caso, saranno effettuate solo e soltanto per i pagamenti avvenuti in modo tracciabile.

Stampa
Consulenza fiscale

Invia il tuo quesito a [email protected]
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Graduatorie terza fascia ATA: incrementa il punteggio con le offerte Mnemosine, Ente accreditato Miur