Speranza: “I giovani hanno pagato un prezzo enorme con la chiusura delle scuole, dobbiamo proteggerli”

Stampa

“Dobbiamo proteggere e difendere i più deboli, gli anziani, ciascuno deve fare la propria parte. Ma dobbiamo evitare di mettere le generazioni l’una contro l’altra”.

“I giovani sono considerati negli ultimi mesi l’anello debole della catena, l’eta’ mediana è molto scesa, ma i ragazzi hanno pagato un prezzo enorme, la chiusura delle scuole, delle università. Io sono contrario a ogni criminalizzazione ma a loro più che ad altri dobbiamo chiedere una mano perché sono stati molto esposti durante l’estate e ora dobbiamo assolutamente provare a rialzare la soglia di attenzione”.

Lo ha detto il ministro della Salute, Roberto Speranza, ospite di DiMartedì su La7.

E ancora: “Lavoriamo perché le scuole possano  andare avanti in presenza, abbiamo investito tanto in questi mesi.  Chiudere le scuole è stata la scelta più difficile e riportare a scuola i nostri figli il giorno più bello degli ultimi mesi”.

Stampa

Eurosofia, scopri un modo nuovo e creativo per approcciarti all’arte: “Il metodo del diario visivo” ideato da Federica Ciribì