Speranza: “Aspettiamo il report settimanale per valutare riapertura delle scuole”

Stampa

“Penso che dobbiamo dire due verità che possono essere in contraddizione: abbiamo una situazione molto seria con una pressione sul sistema sanitario molto significativa. Abbiamo numeri  alti che non possono farci abbassare la guardia, il virus circola e il numero dei decessi non può non colpirci”

“Poi c’è un’altra verità, da alcune settimane ci sono segnali incoraggianti: l’Rt era a 1.7, poi  1.4 e ora 1.18, è possibile che in questa settimana si arrivi ad un  numero più basso che spero segnali una continuazione di questa  tendenza”.

Lo ha sottolineato il ministro della Salute, Roberto Speranza, nel suo intervento all’evento online ‘La sanità futura tra innovazione e ricerca’ promosso da Rcs.

“Le misure che abbiamo adottato stanno iniziando a dare degli effetti,rispetto ad un curva che impennava abbiamo un segnale positivo“, ha aggiunto Speranza.

Sulla scuola: “Nelle zone rosse il Governo ha fatto una scelta molto chiara per provare a tutelare le scuole, mantenendone aperta una parte rilevante, perché riteniamo siano una priorità assoluta. Valuteremo giorno per giorno i dati e proveremo a capire come il contesto epidemiologico ci consentirà anche una gestione di quello che riteniamo la funzione fondamentale del nostro Paese. Le scuole saranno al centro dell’attenzione del Governo, la valutazione si fa sulla base dei dati epidemiologici, venerdì ci sarà il report e aspettiamo di vedere i dati per le successive valutazioni sulla riapertura delle scuole superiori”.

Scuole riaperte il 9 dicembre? Galli avverte: “Sarebbe un vero boomerang”

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur